Passa ai contenuti principali

I velluti Rinascimentali del Museo Poldi Pezzoli dal 7 ottobre

Proseguendo nella linea di valorizzazione della collezione tessile e delle opere “nascoste”, il Museo Poldi Pezzoli espone alcuni dei più preziosi manufatti della sua raccolta di velluti Rinascimentali.

Il Quattrocento è raccontato in tutta la sua ricchezza da tessuti di produzione italiana in seta e oro tinti con i coloranti più preziosi, che testimoniano la funzione sociale svolta da un’attività che ben presto sarebbe diventata fondamentale per l’economia di molte città. La produzione tessile, infatti, rappresentava la fonte di importanti introiti per le corti che la producevano, tra cui Milano, Firenze, Venezia e Genova.

In questa occasione, ad essere presentate sono le principali tipologie del velluto quattrocentesco: dalle magnifiche decorazioni dai motivi di derivazione orientale, a sontuosi giochi cromatici tono su tono fino a trame allucciolate (con effetti simili a quelli delle lucciole) d'oro e d'argento.

Tra tutte le opere esposte, sicuramente speciale è il Paliotto delle Colombine realizzato con i materiali più preziosi: seta tinta con cremisi, il pigmento più costoso in assoluto, filati d’oro e d’argento.
Per motivi conservativi, i tessuti sono esposti a rotazione e per periodi limitati di tempo. Questa diventa quindi un’importante occasione per ammirare opere “protette” e approfondire la conoscenza della meravigliosa arte tessile.


F@MU, giornata Nazionale delle famiglie al Museo
Domenica 8 ottobre, in occasione della giornata Nazionale delle famiglie al Museo, il Poldi Pezzoli offre, come supporto didattico alle famiglie, una scheda gioco, che conduce alla scoperta di alcuni animali raffigurati nelle opere delle collezioni. In omaggio, fino ad esaurimento, il quaderno “Animali” con illustrazioni e  breve storia sulla presenza degli animali nell’arte.
Per i genitori e i ragazzi sono a disposizione audioguide gratuite del Museo e un’innovativa avventura digitale con il chatbot game.

Il Museo, inoltre, propone alle famiglie due visite guidate su prenotazione (ore 15.00 e ore 16.00), durante le quali i bambini sono accompagnati in una “caccia” alla scoperta degli animali tra le opere del Poldi Pezzoli. Si visitano così l’armeria e le sale più affascinanti della casa-museo.
Alla fine del percorso, dolce sorpresa per tutti!!

Durante tutta la giornata il biglietto di ingresso al Museo è gratuito per i bambini (max 11 anni) e ridotto per i genitori (7 euro).

Informazioni e prenotazioni per le visite guidate:
Bambini da 6 a 11 anni con ingresso gratuito
Per gli adulti accompagnatori ingresso ridotto a 7 euro
Prenotazione obbligatoria ai numeri 02 794889 – 02 796334
Gruppo: massimo 25 persone
La visita ha la durata di 1 ora circa


Musica al Museo in collaborazione con Serate Musicali
Ritornano, per tutti i visitatori della casa museo di via Manzoni, i pomeriggi di musica in collaborazione con Serate Musicali.

Domenica 15 ottobre, ore 16.00
Ceribelli - Sartori Jazz Duo
Programma
Thelonious Monk, Let's Cool One
Billy Strayhorn, Isfahan
Joe Henderson, Black Narcissus
John Lewis, Afternoon In Paris
Benny Golson, Stablemates
Dave Brubeck, In Your Own Sweet Way
Thelonious Monk, Reflections
Sam Rivers, Beatrice

Davide Sartori si è iscritto nel settembre 2014 al Conservatorio di Milano. Nel 2015 ha iniziato un progetto in trio chiamato Triottico, con il clarinettista Federico Calcagno e la contrabbassista Victoria Kirilova. Con loro ha partecipato a numerose rassegne musicali e concerti, come Bergamo Jazz, Springtime Jazz, Novara Jazz. Sempre con Triottico nel 2017 ha vinto il Premio del Conservatorio, sezione jazz. Nel 2016 è entrato nella Big Band del Conservatorio “G.Verdi” di Milano, diretta dal Maestro Pino Jodice e ha collaborato con il maestro Alberto Mandarini nella formazione Alberto Mandarini New Quartet. Nel Giugno 2017 ha vinto come migliore chitarrista per il Premio Nazionale delle Arti, sezione Jazz. Lo stesso anno è entrato a far parte dell’"Orchestra Nazionale Jazz dei Conservatori", diretta da Pino Jodice.

Luca Ceribelli, ha iniziato a studiare Jazz presso l'"Accademia del Suono" di Milano. Contemporaneamente ha avuto modo di svolgere lezioni con Joe Lovano, David Liebman, Marcus Strickland e Jerry Bergonzi, oltre ai docenti di Siena Jazz 2015. Tra il 2011 e il 2015 ha partecipato a diversi concorsi nazionali, tra cui “C. Bettinardi” (premio del pubblico 2011 e primo premio categoria "gruppi" nel 2014); “Jazz by the Pool” 2013 (primo premio); “Conad Jazz Contest @ Umbria Jazz 2015”. Nello stesso periodo ha pubblicato il primo disco insieme al suo quartetto, avendo la possibilità di presentarlo nel corso del "Piacenza Jazz Fest 2015" e “Nuoro Jazz 2015”. Nel 2017 è entrato a far parte dell' "Orchestra Nazionale Jazz dei Conservatori", diretta da Pino Jodice.

Domenica 29 ottobre, ore 16.00
Marco Panzarino, chitarra
Tra virtuosismo e saudade nella chitarra latina
M. Giuliani, Gran Sonata Eroica, op. 150
M. Castelnuovo-Tedesco, Tarantella op. 87a        
A. Barrios, El ultimo tremolo, Choro de saudade
H. Villa-Lobos, Mazurka-choro, 3 Etudes
L. Brouwer, Tres piezas latinoamericanas, Danza del altiplano, Cancion, Tango

Marco Panzarino, milanese, si è diplomato al Conservatorio "A. Boito" di Parma, sotto la guida del M.°E. Tagliavini, ha conseguito poi il Diploma Accademico di Secondo Livello in Chitarra presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano, sotto la guida del M.° P. Cherici.  Ha vinto numerosi concorsi, tra cui il prestigioso “Auditorium" della RAI a Torino ed il Concorso "Città di Parma", eseguendo il concerto per chitarra e orchestra d'archi di F. Margola. Ha svolto intensa attività concertistica, sia come solista, che in formazioni cameristiche, presso famose ed importanti istituzioni. Ha inciso per la casa editrice Sanpaolo. Unisce all’attività artistica quella didattica come docente di Chitarra presso l’Istituto Comprensivo ad indirizzo musicale “Q. di Vona” di Milano.

L’accesso è compreso nel prezzo del biglietto del Museo (Intero 10 € - Ridotto 7€).


Didascalia immagine:
Paliotto delle colombine, particolare
Milano, fine XV secolo
Milano, Museo Poldi Pezzoli




Flavia Giuliani
Ufficio Stampa 
Tel. 02.45473800/05 
E-mail:ufficiostampa@museopoldipezzoli.org
Web:  www.museopoldipezzoli.it


Fondazione Artistica Poldi Pezzoli «Onlus»
Museo: Via A. Manzoni, 12 - 20121 Milano
Centralino: 02 45473800
Fax: 02 45473811  www.museopoldipezzoli.it
P.IVA 04265690158  CF  80068270158
Orari apertura museo: 
da mercoledì a lunedì ore 10.00 - 18.00 orario continuato. MARTEDI' CHIUSO

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…