Passa ai contenuti principali

Angelo Accardi espone alla Galleria d'Arte Contemporanea di Foggia in una mostra a cura di Giuseppe Benvenuto.

Mostra personale di pittura di Angelo Accardi presso la Galleria D'Arte Contemporanea di Foggia dal 26 ottobre al 12 novembre. La mostra, che è a cura di Giuseppe Benvenuto, verrà inaugurata alle ore 18,30 di domenica 26 ottobre alla presenza dell'artista.

"È un “fuori luogo” a tinte forti quello che ci consegna Angelo Accardi, dopo aver scandagliato il proprio inconscio e la propria sensibilità sul mondo. Il suo, è un fuori luogo subìto, non voluto, che porta  con sé la paura della presenza temuta. Egli materializza sulla tela il corpo di una minaccia che incombe: è la minaccia dell’invasione, della perdita o della xenofobia; è la minaccia latente dello scontro finale, non importa se questo sarà per le distonie tra civiltà o per l’implosione della sola nostra civiltà. La locuzione “fuori luogo” deve essere letta in maniera letterale. Non è un modo di dire. È proprio la presenza di un elemento surrettizio in uno spazio che non gli appartiene, che muove la reazione di Accardi, abituato a rispondere con icone men-tali agli stimoli che lo smuovono. Sono fuori luogo gli aerei tra le strade della città. Sono fuori luogo gli struzzi tra le strade della città. 

È fuori luogo un’arca in città. Cogliere il fuori luogo, dandogli un volto, significa poter afferrare i giusti elementi per capire quale sia la minaccia che incombe. Sarà l’attacco terroristico? Sarà il diluvio delle merci? Sarà l’egoismo delle multinazionali? Accardi ci aiuta a capirlo. Il timore della perdita ci anticipa l’angoscia del suo verificarsi. Questo timore oggi si diffonde sotto forma di paura liquida, che si distribuisce quasi equamente tra le persone.
Accardi è un testimone attento del suo tempo: raccoglie la presenza fluttuante di questa paura, ma non si limita a registrarla; la snida per tagliarla alla radice e per darle un volto di modo che possa essere affrontata."

Angelo Accardi è nato a Sapri (Salerno) nel 1964. Il suo percorso artistico si concretizza con la perenne ricerca delle nuove sensazioni da scoprire. Gli esordi artistici sono fortemente caratterizzati dalla “figura”, dalla dimensione pittorica e simbolica. Una parentesi brevissima all’Accademia delle Belle Arti di Napoli, segna l’inizio di una crisi di identità artistica che dura alcuni anni e in questo periodo le opere sono di matrice astratta. Agli inizi degli anni Novanta, Accardi apre un suo studio a Sapri ed inizia una ricerca sulla figurazione a sfondo sociale; nello stesso periodo mostre in gallerie prestigiose italiane ed estere (Rossetti e Pini di Roma, Manzoni Arte Studio di Milano - Klaus Lea di Monaco di Baviera). Il ciclo Human Collection, atmosfere ovattate dove le figure sono magistralmente velate da una patina di umidità, segna un passaggio fondamentale del suo percorso artistico. Espone le opere di questo ciclo per la prima volta a Vancouver. La mostra da inizio ad una collaborazione di cinque anni con il gallerista coreano Robert Kwon. Il 2001 è l’anno in cui inizia il connubio con tre gallerie prestigiose: Verrengia di Salerno, Spazio Arte di Rovereto e Battaglia di Milano. Seguono diverse personali e collettive, tra cui Speed Generation e Vicious, che proiettano Accardi in ambienti artistici più interessanti. E’ in queste circostanze che incontra il gallerista fiorentino Giovannini, promotore della mostra itinerante “Enjoy the Silence”. Quindici tele dell’artista, infatti, sono state esposte a Firenze, Innsbruck, Barcellona e Budapest. Con il gruppo di nuove avanguardie “Tantarte”, partecipa a Shanghai nel 2006 a: “Galleria Italia”. Dal 2007 lavora con “Miniaci Art Gallery Milano” di Antonio Miniaci e nel 2013 con Giuseppe Benvenuto, con il quale svolge un percorso artistico basato su importanti eventi culturali che consolidano il rapporto di collaborazione.

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…