Passa ai contenuti principali

Il Rosso innocente di Carlo Fratti allo Spazio Emmaus di Milano

A partire da questo pomeriggio e fino al 20 ottobre, Spazio Emmaus a Milano ospita la personale "Rosso Innocente" dell’artista Carlo Fratti, a cura di Vera Agosti

"Il rosso del titolo  - scrive la curatrice Vera Agosti - è il colore predominante in mostra. Storicamente il rosso è la tinta per eccellenza, una delle prime sfumature ad essere scoperta dall’uomo, ricavandola dalle terre. Rossi allora sono i segni nelle caverne preistoriche, accanto ai primitivi disegni tracciati col bianco e il nero. Come insegna l’antropologo Michel Pastoureau, uno degli studiosi del colore più noti al mondo, in diverse lingue, come il russo, il termine per indicare l’aggettivo rosso significa anche “bello” e “colorato.” Il rosso era la nuance più ricca e preziosa, per i vestiti femminili migliori, l’abito da sposa. Era ed è il colore del potere, della forza, della vita, così come per le figure dei prelati e del sangue, il Sacrificio di Cristo. La tonalità nasconde però anche un’accezione negativa. Il potere infatti può essere opprimente e oppressivo, il fuoco può essere distruttore e non soltanto purificatore e salvifico, il sangue può ricordare le guerre e le stragi. Le fiamme dell’Inferno sono rosse, rosso diventa anche il colore del peccato e dell’erotismo.

In Rosso Innocente si allude chiaramente alla tragedia sopportata da vittime senza colpa. Nei dipinti di Carlo Fratti, affogati in un rosso totalizzante e totalizzatore, figure appena abbozzate con un rapido tratto nero incarnano giudici e colpevoli. Così possiamo vedere ne il Grande Inquisitore, o Ponzio Pilato, i volti dei personaggi, spesso assisi su troni immaginari o stagliati vicino ad essi, non definiti, per indicare l’universalità del soggetto trattato. Argomento che si nutre esplicitamente di riferimenti biblici ma non solo. Per esempio, le opere intitolate Lapidazione ricordano amaramente lo scempio che ancora oggi si compie in alcune parti del mondo e di cui ci arrivano continuamente notizie attuali. Una figurazione appena accennata che paga il suo tributo al Novecento. Fratti in particolare spiega di essersi ispirato alla lezione di Francis Bacon nella sua dissoluzione del corpo e delle carni, di cui resta una mitigata parvenza nella torsione figurale e in altri richiami formali, senza abbracciare l’eccesso del pittore inglese. 

Esposti anche raffinati acquarelli e una serie di incisioni, in cui il colore lascia il posto al segno, delicato e nitido al contempo.Le sculture in terracotta dedicate alla donna (Torso di fanciulla) ci ricordano inequivocabilmente il significato positivo del rosso, legato alla vita, al calore e alla bellezza."

Biografia di Carlo Fratti: 
Carlo Fratti è nato a Sant’Angelo Lodigiano dove vive e lavora. Si diploma all’Accademia di Brera e frequenta alcuni corsi dell’Ecole des Beaux Arts di Parigi. Si dedica alla pittura, l’incisione,  la scultura e il design. Sue opere sono presenti in collezioni pubbliche  e private in Italia, in Vaticano, in Israele, negli Stati Uniti e in Giappone.


Carlo Fratti- Rosso innocente
Domenica, 12 Ottobre, 2014 - 18:00
Spazio Emmaus
Galleria dell'Unione 1, Milano

Post popolari in questo blog

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tadao Cern, Okiiko & Blood Concept nel nuovo spazio CONTEMPORARY CLUSTER #05

Apre il 25 novembre 2017, alle ore 19.00, la stagione di Contemporary Cluster nella nuova sede romana di  Palazzo Cavallerini Lazzaroni, in Via dei Barbieri al civico sette.
Contemporary Cluster #05 proporrà l'arte visiva di Tadao Cern , il design di  Okiiko e le fragranze di Blood Concept per un'esperienza percettiva corale e unica.
In occasione della mostra verrà inoltre presentato il magazine Flewid, creato da Emi Marchionni, con Angelo Cricchi in qualità di Creative Director e Cecile De Montparnasse come Art Director, distribuito in Italia e all'estero dalla Pineapple Media Limited.
Sebastien Bromberger accompagnerà tutta la serata con una accurata selezione musicale. Per l'apertura del nuovo spazio di Via dei Barbieri, Contemporary Cluster presenta per la prima volta al pubblico italiano la personale di Tadao Cern (Vilnius, 1983), giovane artista lituano con all'attivo numerose mostre personali e partecipazioni a collettive in Europa e negli Stati Uniti: tra le al…

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori