Passa ai contenuti principali

Apre a Roma il nuovo spazio espositivo dell'associazione non-profit AlbumArte con la mostra Meltingsun della francese Christine Rebet.

Martedì 7 ottobre 2014 , apre a Roma il nuovo spazio espositivo dell'associazione non-profit AlbumArte, che ha già avviato vari progetti tra i quali Anteprima, un programma di residenze d'artista svoltosi dal 2011 a Istanbul, Parigi, Praga e Roma.

In via Flaminia una vecchia rimessa di Villa Poniatowsky, spazio utilizzato prima come deposito di carrozze per il trasporto pubblico e finora utilizzato da AlbumArte come laboratorio per gli artisti in residenza, diventa centro espositivo per mostre, performance, workshop, videoscreening e azioni artistiche itineranti. I progetti culturali che animeranno lo spazio di AlbumArte e anche quelli promossi dall'associazione in altre sedi, vedranno coinvolti artisti capaci di estendere la loro ricerca artistica oltre l'ambito delle arti visive. Nella convinzione che sia essenziale creare una partecipazione attiva del pubblico, AlbumArte ospiterà progetti dinamici e inediti, promuovendo residenze d'artista e l'interazione tra artisti, curatori, associazioni, collezionisti, musei e altre istituzioni nazionali e internazionali. Presidente dell'associazione è Cristina Cobianchi, mentre la direzione artistica dello spazio è affidata a Maria Rosa Sossai.

Meltingsun è il culmine di un programma di residenza prodotto dall'associazione romana durante il quale l'artista francese Christine Rebet ha lavorato fianco a fianco con il duo curatoriale Maria Rosa Sossai e Francesco Urbano Ragazzi. In mostra è l'atelier dell'artista o, meglio, una sua immaginifica maison de luxe, costruita intorno ad un'anomala catena di produzione composta da bozzetti, calchi e macchinari metallici in cui s'intravedono i segni di un'improbabile collezione di gioielli: architetture del corpo che proliferano e riemergono, trasfigurate e spogliate della loro sensazionale lucentezza. Le parure regali di Mellerio dits Meller - la più antica compagnia di gioielli che veste le regine di tutto il mondo fin dai tempi di Maria De Medici - perdono la loro patina di vanità e si trasformano in amuleti woodoo, catene, medaglie, scudi, armature. Insieme a questa rilettura dei codici vestimentari, Meltingsun esplora il linguaggio delle élite attraverso l'appropriazione di un campionario di gesti ed espressioni.

La mostra, apice del processo di ricerca avviato con Duplex, progetto di Francesco Urbano Ragazzi e AlbumArte, sviluppatosi durante la residenza del duo curatoriale a Parigi alla Cité des Arts nel febbraio 2014, rientra nel calendario ufficialenella manifestazione Tandem Paris Rome 2014, gemellaggio culturale tra Parigi e Roma, in collaborazione con Mairie de Paris, Cité des Arts de Paris, Institut Français, Roma Capitale, Assessorato alla Cultura del Comune di Roma, (Parigi | Roma 1 febbraio | 13 dicembre 2014).
Durante la prima parte della residenza promossa dalla Direction des Affaires Culturelles de la Ville de Paris, il duo di curatori ha iniziato un'indagine sulla scena artistica della città in collaborazione con alcuni operatori del contemporaneo particolarmente attivi nel contesto della città. Tra i più di cento artisti incontrati in quel contesto i due curatori, con Cristina Cobianchi e Maria Rosa Sossai, hanno selezionato per la residenza e la mostra personale a Roma Christine Rebet che ha sviluppato e che integrerà, durante il soggiorno romano, il discorso intrapreso con i curatori e i critici attorno all'idea di spazializzazione del disegno. 

Sabato 11 ottobre alle 11:30, in occasione della X Giornata del Contemporaneo, prenderà il via Meltingsun Live, una conversazione con il filosofo Emanuele Coccia seguita da una perfomance sonora di Matteo Nasini. Il progetto è a cura di Francesco Urbano Ragazzi e Maria Rosa Sossai in collaborazione con Nero Magazine


Per ulteriori informazioni:

AlbumArte | spazio progetti per l'arte contemporanea 
Via Flaminia, 122 00196 Roma (RM), Italia
W www.albumarte.org E info@albumarte.org 
T (+39) 06 3227802 F (+39) 06 3290296 

Ufficio stampa ChiNa Press Office 
china@chinapressoffice.it
Chiara Ciucci Giuliani +39 3929173661 - Nicoletta Guglielmucci +39 3932231307

Orari di apertura : da martedì a sabato ore 15:00 - 19:00 (o su appuntamento).
In occasione della Decima Giornata del Contemporaneo AMACI AlbumArte osserverà i seguenti orari: sabato 11 e domenica 12 ottobre dalle 11 alle 19.

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…