Passa ai contenuti principali

Vincono la sesta edizione del Premio Terna per l'arte contemporanea Marco Piersanti con "House Train", per Fotografia e Videoarte, Linda Carrara con"vacuum space", per Pittura, Sara Alavi con "L'alba di una casa sparita", per Scultura e Installazioni.

Vincono la sesta edizione del Premio Terna per l'arte contemporanea Marco Piersanti con "House Train", per Fotografia e Videoarte, Linda Carrara con"vacuum space", per Pittura, Sara Alavi con "L'alba di una casa sparita", per Scultura e Installazioni.

Secondi classificati Luana Perilli con "Urformen", per Fotografia e Videoarte, Matteo Fato con "Senza Titolo (ritratto di Hermann Rorschach 1884 - 1922)", per Pittura e Marco De Sanctis con "Refused projects", per Scultura e Installazioni. Terzi classificati Giordana Victoria con "A nonexistent need", per Fotografia e Videoarte, Angelo Zani con"Montagezusammenstellung", per Pittura e Vittoria Parrinello con "Questo universo è grande come l'altro", per Scultura e Installazioni.

Il montepremi, del valore di circa 70mila euro, prevede per i primi classificati una artist residency a Berlino e la possibilità di esporre la propria opera nell'ambito di Paratissima - uno degli eventi di arte contemporanea di riferimento nel panorama artistico a livello nazionale ed europeo - di Contemporary Arts Torino, in calendario a novembre. I secondi e i terzi classificati si aggiudicheranno un premio acquisto rispettivamente di 3.000,00 e 2.000,00 euro. La maggior parte del montepremi sarà destinata a una iniziativa di start up scelta tra progetti di ricerca nel campo dell'energia.

I vincitori sono stati decretati da una giuria d'eccezione presieduta dal Comitato di Presidenza con Matteo Del Fante e Catia Bastioli, Amministratore Delegato e Presidente di Terna, e composta da professionisti del mondo dell'arte e della comunicazione: la collezionista Barbara Abbondanza, Silvana Annicchiarico Direttrice del Triennale Design Museum, Fabio Cavallucci Direttore Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci, i collezionisti Giovanni e Anna Rosa Cotroneo, Mario Cristiani della Galleria Continua, la giornalista Alessandra Mammì, Mario Mazzoli della Galleria Mazzoli di Berlino, lo scrittore Massimiliano Parente.

"La giuria guarda avanti. " E' il commento di Cristiana Collu e Gianluca Marziani, curatori del Premio - Si fa conquistare da un orizzonte che disegna il paesaggio di un viaggio apparentemente impossibile. Dall'ironia, dalle strategie di sopravvivenza, dalla luce che si sofferma quegli istanti necessari a rimettere in gioco il panorama di un progetto che lascia le ombre dietro di se. Emerge una freschezza che rinfranca e dimostra che nulla è più efficace di un'esortazione semplice e sicura, come quella del tema di quest'anno, che parte dalla complessità del tempo presente, nel quale è il fattore speranza a determinare l'unica ipotesi di futuro"

Marco Piersanti, Linda Carrara, Sara Alavi, Luana Perilli, Matteo Fato, Marco De Sanctis, Giordana Victoria, Angelo Zani, Vittoria Parrinello esporranno insieme agli altri finalisti i propri lavori alla mostra finale in programma a Torino presso l'Archivio di Stato - Piazza Castello 209 - dal prossimo 15 dicembre al 15 gennaio, nell'ambito del Contemporary Arts, ed entreranno nel catalogo del Premio distribuito nelle librerie e a un pubblico selezionato di operatori del mondo della cultura e dell'imprenditoria.

Quest'anno il Premio Terna è stato dedicato a "L'arte guarda avanti", un tema interpretato con audacia e senza una direzione univoca da tutti i partecipanti. Guardare avanti è il modo esplorativo scelto dagli artisti e l'attesa del futuro coincide con la ricerca quotidiana: una dimostrazione di come la creatività sia sempre all'avanguardia rispetto al quotidiano.

Più di 1400 artisti in gara, oltre 20.000 accessi al sito e oltre 100.000 iscritti alla newsletter: un nuovo successo che conferma per Terna l'impegno nella valorizzazione della creatività quale forma primaria ed essenziale di ricerca.

www.premioterna.it

UFFICIO STAMPA IN EVIDENCE

Elena Todisco - e.todisco@inevidence.it - 3391919562
Delia Dimasi - d.dimasi@inevidence.it - 3356866547
Susanna Tagliento - s.tagliento@inevidence.it - 331.6367029

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…