Passa ai contenuti principali

Horror vacui. Chi ha paura dello spazio tra le righe? Stefano Cerioli ad Avantgarde, Tattoo Parlour & Artgallery.

Il nuovo progetto di , composto da carte, tele e un grande lavoro a parete, abiterà lo spazio di Avantgarde, Tattoo Parlour & Artgallery da martedì 25 novembre. Figure enigmatiche, uomini barbuti, animali dalla provenienza lontana, simboli ancestrali e misteriosi si muovono in uno spazio senza tempo, grazie al segno, alle texture e alla cifra stilistica peculiare dell’artista milanese.

Il nuovo progetto di Stefano Cerioli, "Horror vacui. Chi ha paura dello spazio tra le righe?" si concentra su un’idea portante: sulla paura dello spazio vuoto. Uno spazio che è un luogo metaforico: non solo quello della pagina bianca, ma quello delle nostre esistenze. Sempre tesa a riempire questi “momenti”, la maggior parte di noi teme il silenzio e il vuoto e a volte, nello sforzo di realizzare forzatamente un obiettivo, fallisce miseramente. Cerioli, che spesso utilizza per i suoi lavori pagine di vecchi libri, vuole mostrare come questa paura si annidi anche nei luoghi infinitamente piccoli della nostra vita, tra le righe, appunto.
I vuoti dei suoi lavori sono riempiti da texture che l’artista esegue con precisione minuziosa, quasi un mantra a depotenziare questo horror vacui, ma se allontaniamo lo sguardo, che viene inevitabilmente attirato da questi motivi ipnotici, e guardiamo le sue opere nella loro totalità scopriamo come questa paura del vuoto e del “non fare” venga superata dalla gioia e dalla pienezza del fare, del creare, del dipingere.

Le carte e le tele di Stefano Cerioli sono un inno alla vita e alla creazione: sulla loro superficie prendono vita simboli, animali e uomini in un universo che spinge l’osservatore a una molteplicità di interpretazioni e letture, grazie ad un continuo rimando tra antico - impossibile non pensare alle xilografie medievali - e moderno nell’uso sintetico di segno e colore.

L’uso dell’oro, nel nero e del bianco, il tratto morbido e fluido vanno a comporre una stratificazione a livello visivo e culturale: antico e contemporaneo si fondono armoniosamente in un linguaggio che non ha paura di andare a fondo nella lettura, fra le righe, dell’uomo di oggi.


Stefano Cerioli (1966), graphic designer dalla nascita e artista per vocazione, vive e lavora a Milano. Ha partecipato a diverse collettive nazionali, tra cui quelle alla Galleria PassepARTout Unconventional Gallery di Milano, alla Galleria Simultanea Spazi d’Arte di Firenze e alla Galleria Civica di Monza. Dal 2012 collabora con Comitato Padiglione Tibet partecipando a diverse mostre: Museo Diotti di Casalmaggiore (CR), Biblioteca Laudense di Lodi per approdare alla Biennale di Venezia del 2013 con “Padiglione Tibet” allo Spazio Porto nella Chiesa Santa Marta di Venezia. Ha partecipato alle mostre Statement 2013 e Postqards di Circoloquadro Milano. I suoi lavori sono fortemente influenzati dalla street art. Passare dai tattoo alle grafiche per skateboard è un’esigenza irrinunciabile. Le sue opere evocano messaggi e accompagnano l’osservatore in un percorso visivo fatto di contraddizioni e contrapposizioni, di evocazioni e assenze descrittive. La ricerca e il tentativo di far convivere elementi, linguaggi e mezzi distanti e differenti tra loro è il concetto che sta alla base del suo lavoro.


Stefano Cerioli -  Horror vacui. Chi ha paura dello spazio tra le righe?
a cura di Arianna Beretta
Inaugurazione martedì 25 novembre 2014, dalle 18.30
In mostra dal 25 novembre al 5 dicembre 2014
Orari da lunedì a sabato dalle 13 alle 20, o su appuntamento

Avantgarde, Tattoo Parlour & Artgallery 
Via F. Corridoni 148, Sesto S. Giovanni (MI)
Informazioni info@avantgardetattoo.it - 02 49473254

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…