Passa ai contenuti principali

I denti di Michelangelo raccontati da Marco Bussagli.

Il 13 novembre presso la sede de “La Feltrinelli” di via Vittorio Emanuele Orlando a Roma, Lauretta Colonnelli del “Corriere della Sera” e Sergio Guarino Direttore della Pinacoteca Capitolina, presentano alle ore 18 il libro di Marco Bussagli, I denti di Michelangelo, Medusa edizioni.

Di un autore celeberrimo come Michelangelo Buonarroti si dovrebbe ormai aver scritto di tutto e si dovrebbe conoscere tutto.
Invece, lo studio di Marco Bussagli appena uscito per i tipi di Medusa, mette l’accento su un particolare che nessuno ha mai notato e che è sfuggito all’osservazione dei maggiori storici dell’arte di tutti i tempi, i quali per conseguenza, non ne hanno mai scritto, né nei secoli scorsi, né oggi, neanche dopo il lungo ciclo di restauri che ha interessato i suoi affreschi.
Il grande artista, infatti, dipinge alcuni personaggi con un incisivo centrale nella chiostra dentaria superiore.

Si tratta di figure notissime, dalla splendida Sibilla Delfica, al Giona della Cappella Sistina, fino a disegni altrettanto celebri, come La furia, intitolata pure emblematicamente L’anima dannata. Infatti, il valore che l’artista attribuisce a questa che è una vera anomalia anatomica – dal nome mesiodens - e che era nota anche all’amico medico Realdo Colombo (il quale ne scrive nel suo De re anatomica), è assolutamente negativo.

Tuttavia, esiste una declinazione di questa negatività nella visione di Michelangelo che, per il Giona e la Sibilla, considera il quinto incisivo come il segno della condizione di coloro che sono nati ante Gratiam, ovvero prima della rivelazione di Cristo, secondo la visione di Gioacchino da Fiore. Al contrario, nel caso de La furia, il dente allude alla colpa e al male, così come accade per i peccatori che non hanno voluto guardare il Serpente di Bronzo nel pennacchio della Sistina dove Michelangelo rappresenta questo episodio biblico, oppure nel grande affresco del Giudizio Universale.

Naturalmente, Michelangelo sapeva esattamente come era fatta un’arcata dentaria e quando lo riteneva opportuno, la dipingeva perfettamente, come nel caso della Madonna del Tondo Doni, oppure degli Angeli del Giudizio. Queste scelte del maestro, affondano le radici nella speculazione teologica di Ezechiele, di Gioacchino da Fiore, di Savonarola e del Beneficio di Cristo, scritto da Benedetto da Mantova nel 1543, ma nato dalle varie riflessioni degli Spirituali del Circolo di Viterbo che faceva capo alla marchesa di Pescara Vittoria Colonna e al cardinal Reginald Pole. Il pensiero che sottintendeva quel testo influì sulla concezione teologica del grande affresco del Giudizio Universale dal quale emerge l’idea della predestinazione, proprio per la presenza del mesiodens. Infatti, il grande artista dipinge uno scheletro che, risorgendo, mostra il quinto incisivo a livello della struttura ossea. Questo vuol dire che quel personaggio era ‘predestinato’ al male, come tutti gli uomini che, con le loro azioni, voltano le spalle al Credo di Cristo.

IL LIBRO
Autore: Marco Bussagli
Titolo: I denti di Michelangelo. Un caso iconografico
Pagine: 176
Editore: Medusa, Milano
Prezzo: 19,00 €
Info: info@edizionimedusa.it
Presentazione >
13 novembre ore 18.00 presso La Feltrinelli di via Emanuele Orlando 78-81 00185 - Roma
Intervengono: Lauretta Colonnelli del Corriere della Sera e Sergio Guarino Direttore della Pinacoteca Capitolina insieme all'autore 

Ufficio Stampa Arthemisia Group
Adele Della Sala - ads@arthemisia.it - M +39 345 7503572
Anastasia Marsella - am@arthemisia.it - T +39 06 69380306

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…