Passa ai contenuti principali

Un FRAGILE Artsiom Parchynski alla Nuvole Arte Contemporanea di Montesarchio.

Fra un paio di ore, a Montesarchio (BN), presso la galleria Nuvole Arte Contemporanea, verrà inaugurata la mostra personale del giovane artista di origine bielorussa, Artsiom Parchynski. La mostra, che è a cura di Domenico Maria Papa, potrà essere visitata fino al 30 dicembre c.a.
  
"La ricerca di Artsiom Parchynski, giovane artista di origine bielorussa, si sviluppa intorno ad alcuni temi ricorrenti che originano da un’approfondita riflessione sulla fragilità della condizione umana.

È la sua una riflessione che nasce da esperienza vissuta in prima persona, di incontro tra culture e di scontro, nella nostra epoca, tra le grandi direttrici della storia. Le solidità dei sistemi politici e culturali ci hanno, infatti, rivelato un’insanabile fragilità, a stento mascherata dietro una crosta superficiale.

La crisi è il segno stesso della nostra esistenza. Crisi, infatti, nell’etimo greco indica la frattura, la rottura, appunto, di un sistema, ma è anche la separazione, il vaglio, ciò che permette di distinguere e conoscere meglio. Ed è qui che si sofferma la ricerca di Artsiom Parchynski: sulla necessità, fondata etimologicamente, della crisi, della rottura inevitabile che permette di accedere a una nuova, più veritiera conoscenza.

Torna, nell’opera dell’artista, la figura umana che spesso s’incarna in una materia che ne rivela il destino di provvisorietà. Nella scultura in cui una sagoma di rete metallica racchiude della paglia, il significato evidente, sta nel valore di mancata consistenza. Si dice, infatti, di un uomo di paglia, come di un uomo senza personalità. A questa si contrappone virtualmente un’altra scultura in cui la stessa rete racchiude un vuoto al centro del quale s’illumina la parola “ego”, come a dire che l’io è perfetta volatilità in uno spazio vagamente definito da contorni incerti.

Nel progetto per Nuvole Arte, Parchisnsky propone delle sagome di corpi che sono al tempo stesso dei vuoti, ma ben protetti come da sarcofagi. Si possono immaginare delle presenze delle quali rimane solo l’eccessivo involucro, a sfidare un tempo che ha già vinto sull’uomo. Queste sculture si inscrivono nel novero delle opere che l’uomo produce per sfidare la morte, come lo sono i guerrieri di terracotta sepolti a guardia dell’imperatore Qin Shi Huang, come le allegorie michelangiolesche per la tomba di Giulio II.

Quanto, appunto, la terracotta, il marmo o anche il cemento rappresentino una nostra debole speranza di persistenza, Artsiom Parchynski ce lo mostra laddove, come in uno scavo archeologico, teste e brani di corpi sono accumulati ed esposti come reperti da museo, o nella proiezione di immagini, sempre per Nuovole Arte, che attraversano figure di corpi ridotti a meri fantasmi. Immagini ectoplasmatiche e lacerti di corpi di pietra: Artsiom Parchynski  ammonisce sulla caducità delle sicurezze e, insieme, sul destino delle nostre costruzioni sociali e culturali, materia per una prossima, vicina archeologia." - Domenico Maria Papa        
                                                           
Artsiom Parchynski nasce a Polotsk (Bielorussia) nel 1985, dove completa gli studi al liceo linguistico e contemporaneamente alla scuola d’arte locale. Nel 2002 si trasferisce in Italia, a Genova, e nei successivi anni frequenta e si diploma all’Accademia Ligustica di belle Arti. Dal 2009 per seguire il corso di specializzazione in pittura si sposta a Torino, dove tuttora vive e lavora.

FRAGILE
Sabato, 29 Novembre, 2014 - 18:30
dal 29 novembre al 30 dicembre 2014
Nuvole Arte Contemporanea
via IV Novembre I Trav. Montesarchio ( BN )

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…