Passa ai contenuti principali

Oronzo Liuzzi e Rossana Bucci sono BI/positivo alla Galleria SPAZIOSEI di Monopoli.

Galleria SPAZIOSEI (Via S. Anna, 6 – Monopoli) inaugura la bi-personale di ORONZO LIUZZI e ROSSANA BUCCI, dal titolo "BI/positivo" a cura di Lucia ANELLI e Mina TARANTINO. L' inaugurazione si terrà sabato 29 novembre 2014 alle ore 19:00 . La mostra potrà essere visitata sino al 20 dicembre 2014

“Progressione e contaminazione fino ad una graduale e ben meditata dissolvenza. Il lavoro dell’artista coratino Oronzo Liuzzi, in sinergico accoppiamento creativo con l’allieva Rossana Bucci, appare quanto mai controcorrente e, per i più radicali, impenetrabile. Eppure, rispetto ad un solipsistico lavoro di contrazione sul sé, l’artista pugliese procede in coppia, concettualmente e pragmaticamente, a metà strada tra sperimentazione sociale e necessità salvifica.

Liuzzi procede nel suo lavoro oltre i limiti del collettivo apprezzamento, inneggiando all’estetica del dubbio, della confusione prolifica che conduce alle scissione e all’annientamento, prodromi di una risalita vigorosa. Bypassando l’inetta casualità, l’artista sfida i luoghi comuni e lancia messaggi di speranza, alla ricerca della condivisione di quell’assoluto poetico scovato tra i doveri quotidiani. Oronzo Liuzzi prende per mano l’arte, riunisce logos, corpo e spirito. Semplicemente ascoltando e meditando. Un cortocircuito di interferenze che approda naturalmente a questa diluizione nell’altro, che da doppio assorbe l’essenza e annienta le differenze. Liuzzi e Bucci lavorano insieme oramai da diverso tempo, conducendo all’unisono una ricerca pura ed essenziale.

Liuzzi indaga cosa c’è oltre la paura, il mito, il timore di non essere e il fascino di competere, nonostante tutto. Bucci afferra il passato e misura il presente con le sue scatole memoriali e istintive, che custodiscono tutto il sapore della terra, della tradizione, di un genuino intimismo che raccoglie frammenti esistenziali, assemblati e rivissuti attraverso un vitalismo cromatico. Ossessioni e mitomanie, speranze e attese. La sensibilità dell’artista si percepisce in ogni progetto, oggetto o manipolazione. Nei lavori dei due artisti, una tensione onirica galleggia tra libera ispirazione e universalmente attendibile, ancorata all’ingenua quotidianità, agli affetti presenti e passati, al desiderio. Nei lavori di Bucci, soprattutto, la lacerazione è sempre accompagnata da una sorta di compensazione emotiva, fatta di recuperi o semplicemente citazioni affettive. La stratificazione oggettuale è spesso ridondante, a tratti ossessiva, e procede dal grado zero fino ad una saturazione dello spazio”. (estratto del testo critico di Lucia Anelli )


Galleria SPAZIOSEI
Via S. Anna, 6 – 70043 Monopoli (BA)
Info: spaziosei@alice.it – spazioseimonopoli@gmail.com
tel. 080.802903
cell. 339.6162515

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…