Passa ai contenuti principali

ICON - Corso per curatori dell'immagine contemporanea

Sono aperte le iscrizioni ad ICON, il corso per curatori dell'immagine contemporanea di Fondazione Fotografia Modena, che prenderà il via a gennaio 2018. 

Punto di forza è la specializzazione in ambito fotografico, che ne fa un caso unico nel panorama dei corsi per curatori in Italia. Photo editing, tecniche video-fotografiche, conservazione e restauro, pratiche di allestimento, editoria, project management, collezionismo e mercato, comunicazione e scrittura critica sono alcuni tra i temi messi a fuoco dal corso, per permettere ai futuri curatori di interagire con le diverse professionalità nel campo dell'immagine e diventare promotori della cultura fotografica nel nostro paese e a livello internazionale.

Le iscrizioni resteranno aperte fino al 30 ottobre 2017. Riduzioni previste per chi si iscrive entro il 31 luglio 2017.

A chi si rivolge . A chi abbia completato o stia completando un percorso di formazione inerente la fotografia e le arti visive e stia cercando un approfondimento professionale in ambito curatoriale e organizzativo. A tutti gli appassionati di fotografia, provenienti da altri percorsi di studio o lavorativi, che vogliano acquisire competenze proprie nell'ambito artistico. Ma anche a chi già lavora in questo settore e desideri raggiungere una maggior consapevolezza ed efficacia nel proprio lavoro.

Nuovi progetti sull'immagine. Gli studenti di ICON mettono in pratica le conoscenze acquisite a lezione lavorando individualmente a nuovi progetti di curatela nell'ambito delle immagini (mostre, residenze d'artista, eventi site-specific): presentati al termine del corso e raccolti su un'apposita piattaforma online, rappresentano il primo passo nella futura professione di curatore. Durante l'anno la classe è inoltre coinvolta nell'ideazione e nell'organizzazione di una mostra collettiva dalle collezioni storiche e contemporanee della Fondazione, che rientrerà nella programmazione ufficiale di Fondazione Fotografia Modena.

Creare un network professionale. Grazie all'ampia rete di collaborazioni e relazioni offerte da Fondazione Fotografia, gli allievi di ICON possono crearsi un network di contatti a livello nazionale e internazionale e gettare le basi del proprio futuro professionale. La scuola offre tirocini, scambi e residenze d'artista in Italia e all'estero, ospitando inoltre giovani artisti stranieri per brevi periodi di ricerca. Nella rete di connessioni di Fondazione Fotografia ricordiamo la Kunsthalle di Osnabrück (Germania), Paradox (Edam, Paesi Bassi), Artuner (Londra), il Tokyo Metropolitan Museum of Photography, la Fondazione Darat Al Funun di Amman (Giordania), il Center for Creative Photography di Tucson (USA).

Visita il sito e scarica la brochure del corso.

Per maggiori informazioni: 
Fondazione Fotografia Modena - Ufficio Didattica 
tel 059 224418 - formazione@fondazionefotografia.org 
www.fondazionefotografia.org

Nell'immagine: Tiziano Rossano Mainieri, #01, dalla serie "Viaggio in Africa ed Estremo Oriente", 2012. Courtesy dell'artista

Post popolari in questo blog

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tadao Cern, Okiiko & Blood Concept nel nuovo spazio CONTEMPORARY CLUSTER #05

Apre il 25 novembre 2017, alle ore 19.00, la stagione di Contemporary Cluster nella nuova sede romana di  Palazzo Cavallerini Lazzaroni, in Via dei Barbieri al civico sette.
Contemporary Cluster #05 proporrà l'arte visiva di Tadao Cern , il design di  Okiiko e le fragranze di Blood Concept per un'esperienza percettiva corale e unica.
In occasione della mostra verrà inoltre presentato il magazine Flewid, creato da Emi Marchionni, con Angelo Cricchi in qualità di Creative Director e Cecile De Montparnasse come Art Director, distribuito in Italia e all'estero dalla Pineapple Media Limited.
Sebastien Bromberger accompagnerà tutta la serata con una accurata selezione musicale. Per l'apertura del nuovo spazio di Via dei Barbieri, Contemporary Cluster presenta per la prima volta al pubblico italiano la personale di Tadao Cern (Vilnius, 1983), giovane artista lituano con all'attivo numerose mostre personali e partecipazioni a collettive in Europa e negli Stati Uniti: tra le al…

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori