Passa ai contenuti principali

ICON - Corso per curatori dell'immagine contemporanea

Sono aperte le iscrizioni ad ICON, il corso per curatori dell'immagine contemporanea di Fondazione Fotografia Modena, che prenderà il via a gennaio 2018. 

Punto di forza è la specializzazione in ambito fotografico, che ne fa un caso unico nel panorama dei corsi per curatori in Italia. Photo editing, tecniche video-fotografiche, conservazione e restauro, pratiche di allestimento, editoria, project management, collezionismo e mercato, comunicazione e scrittura critica sono alcuni tra i temi messi a fuoco dal corso, per permettere ai futuri curatori di interagire con le diverse professionalità nel campo dell'immagine e diventare promotori della cultura fotografica nel nostro paese e a livello internazionale.

Le iscrizioni resteranno aperte fino al 30 ottobre 2017. Riduzioni previste per chi si iscrive entro il 31 luglio 2017.

A chi si rivolge . A chi abbia completato o stia completando un percorso di formazione inerente la fotografia e le arti visive e stia cercando un approfondimento professionale in ambito curatoriale e organizzativo. A tutti gli appassionati di fotografia, provenienti da altri percorsi di studio o lavorativi, che vogliano acquisire competenze proprie nell'ambito artistico. Ma anche a chi già lavora in questo settore e desideri raggiungere una maggior consapevolezza ed efficacia nel proprio lavoro.

Nuovi progetti sull'immagine. Gli studenti di ICON mettono in pratica le conoscenze acquisite a lezione lavorando individualmente a nuovi progetti di curatela nell'ambito delle immagini (mostre, residenze d'artista, eventi site-specific): presentati al termine del corso e raccolti su un'apposita piattaforma online, rappresentano il primo passo nella futura professione di curatore. Durante l'anno la classe è inoltre coinvolta nell'ideazione e nell'organizzazione di una mostra collettiva dalle collezioni storiche e contemporanee della Fondazione, che rientrerà nella programmazione ufficiale di Fondazione Fotografia Modena.

Creare un network professionale. Grazie all'ampia rete di collaborazioni e relazioni offerte da Fondazione Fotografia, gli allievi di ICON possono crearsi un network di contatti a livello nazionale e internazionale e gettare le basi del proprio futuro professionale. La scuola offre tirocini, scambi e residenze d'artista in Italia e all'estero, ospitando inoltre giovani artisti stranieri per brevi periodi di ricerca. Nella rete di connessioni di Fondazione Fotografia ricordiamo la Kunsthalle di Osnabrück (Germania), Paradox (Edam, Paesi Bassi), Artuner (Londra), il Tokyo Metropolitan Museum of Photography, la Fondazione Darat Al Funun di Amman (Giordania), il Center for Creative Photography di Tucson (USA).

Visita il sito e scarica la brochure del corso.

Per maggiori informazioni: 
Fondazione Fotografia Modena - Ufficio Didattica 
tel 059 224418 - formazione@fondazionefotografia.org 
www.fondazionefotografia.org

Nell'immagine: Tiziano Rossano Mainieri, #01, dalla serie "Viaggio in Africa ed Estremo Oriente", 2012. Courtesy dell'artista

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …