Passa ai contenuti principali

Una giornata estiva

"Una giornata estiva" di Martino Lombezzi è un progetto fotografico che racconta la strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980, il più grave attentato nella storia italiana del dopoguerra.

Il Foto Forum di Bolzano, in collaborazione con l’associazione dei familiari delle vittime della strage, ha curato una mostra itinerante che espone i ritratti e le storie di alcune tra le persone che in quel tragico giorno si trovavano in stazione.

Come noto, alle 10,25 del 2 agosto 1980 una valigia contenente un ordigno ad alto potenziale esplose nella sala d’attesa di seconda classe della stazione centrale di Bologna, gremita di persone. Il tragico bilancio dell’esplosione fu di ottantacinque morti e duecento feriti. La deflagrazione provocò il crollo delle sale d’aspetto di prima e seconda classe e delle strutture sovrastanti dove si trovavano gli uffici dell’azienda di ristorazione Cigar, e di circa trenta metri di pensilina. L’esplosione investì anche il treno Ancona-Basilea, in sosta al primo binario. I vetri delle biglietterie e di tutti gli edifici circostanti andarono in frantumi. I soccorsi vennero organizzati immediatamente e ancora prima dell’arrivo delle ambulanze, dei vigili del fuoco e dei soldati, i sopravvissuti furono aiutati da passanti, ferrovieri, facchini, membri delle forze dell’ordine e tassisti. Il 6 agosto, giorno dei funerali, migliaia di persone giunsero a Bologna da tutta Italia per dimostrare solidarietà alle vittime e per protestare contro l’attentato, riempiendo Piazza Maggiore, le vie e le piazze circostanti.

Cinzia Venturoli, consulente storica per la mostra, descrive così l'esposizione: «In questa mostra si racconta la vita, non la morte. Si racconta chi erano, e chi sono, le persone colpite da quella bomba collocata nella sala d’aspetto di una delle stazioni italiane più affollate di persone. Narrare la vita dei feriti, la vita interrotta di chi non è sopravvissuto, di chi ha perso un affetto ci permette di entrare in empatia con le vittime, ci permette di riconoscerci in loro, ci avvicina un evento lontano e ce lo fa sentire contemporaneo. Non siamo più estranei a quella strage e abbiamo strumenti importanti per comprendere la nostra storia».


Martino Lombezzi - Una giornata estiva
PALAZZO PROVINCIALE 2
Bolzano - dal 24 luglio all'otto settembre 2017
Piazza Silvio Magnago 10 (39100)

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola " Quadro con cerchio ", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij , fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989. Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra " Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione ." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio). Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale" . MUDEC

International Contemporary Art Prize 2019

L’ Associazione Culturale Collettivo 37   e la Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Torino ARTGALLERY37 che ha ospitato opere di artisti quali Marc Chagall, Emilio Vedova,Ennio Morlotti, Giorgio De Chirico, Luigi Spazzapan , ha indetto un premio di carattere internazionale, con la formula del concorso per artisti, al fine di promuovere  e valorizzare l’arte contemporanea e gli artisti in grado di rappresentarne l'essenze la molteplicità espressiva.  Il Concorso  “ International Contemporary Art Prize 2019 ” oltre a godere del Patrocinio della Camera di Commercio di Torino, della Città Metropolitana di Torino, della Regione Piemonte e della Città di Torino è anche supportato dalla collaborazione del Centro Vitaliano Brancati e del Centro d'arte Mavie di Scicli (Sicilia), del Comitato Archivio Artistico Documentario Gierut di Pietrasanta (Toscana) e del Gruppo Artistico Londinese The Artist's Pool . Il concorso di carattere internazionale è rivolto a t

Art in dark alla Cristiano Art Gallery

Dal 29 febbraio al 29 marzo 2020 la  Cristiano Art Gallery  di via Leone I, a Pignataro Interamna (FR), ospita  “ Art in dark ” , mostra di  Giancarlo Montuschi   a cura di  Ivan Caccavale .   Sabato 29 febbraio, alle ore 18.30, l’inaugurazione ufficiale che alle 20.30 proseguirà nel salotto culturale del ristorante L'Horto dei Semplici di piazza San Salvatore, con cena su prenotazione alla presenza dell'artista. “Art in dark”  è un progetto espositivo di    Cristiano Tomassi , diretto da    Antonio Evangelista . Responsabile dell’evento è    Luigi D’Agostino . Giancarlo Montuschi, pittore e ceramista-scultore di vaglia, si esprime da decenni con un linguaggio ingenuo, fiabesco e sostanzialmente fantastico, caratterizzato da venature alchemico-esoteriche. Scrive il curatore Ivan Caccavale: « Nella serie “Pulp stories” il maestro, personalità sensibile e osservatore critico degli episodi di storia e di cronaca, soprattutto americana, conduce il fruitore in un