Passa ai contenuti principali

Edicola RAra, Rescigno: SegniCeltici

Giovedì 23 marzo dalle ore 19:00 alle ore 23
Via de Cristoforis, centro storico, 70038 Terlizzi (Ba)
 
 
INFINITO SPAZIO DI UNA CELLA. Le «discipline umanistiche – è quanto evidenziava  Gombrich nella relazione al simposio organizzato dalla Fondazione Praemium Erasmianum  nel 1988 – devono dipendere da un sistema di valori» cifra peculiare e dialettica che «le  distingue dalle scienze naturali». È un punto fermo che, dagli inquieti anni di avvio del  nuovo millennio, torna a proporsi quale elemento centrale, quasi nodo scottante, del dibattito  sull’arte, segnando un confine, se pur precario, fra le più accreditate tendenze della storia e della critica. Il valore presuppone una scala senza misura ne rapporti: i valori sono ciò che  ci destinano al futuro; è quanto di ciò che il presente ha conservato per essere present...e. Lo  spazio della nostra realtà endless, infinita e fluida sarà il luogo di micro-macro accadimenti,  di eventi, di creatività che daranno ossigeno ai valori, rigenerandone i lieviti.

Nello spazio di una cella confinante con il mondo attraverso un vetro, i linguaggi degli artisti  invitati a realizzare un intervento site specific, cadenzeranno la narrazione di giorni che, uno nell’ altro, racconteranno le emozioni, i sorrisi, le contrarietà: tutto ci aiuterà, perché tutto filtrerà dal vetro e andrà a riporsi nell’ infinito spazio della cella. Ho voluto condividere con  Paolo De Santoli e gli amici della RA contemporanea art il desiderio di costruire una trance  di tempo che verrà, ma anche l’energia che li spinge all’ incontro, a guardare all’arte come  viatico alla ‘stanchezza’ che non è quella fisica.

«Esiste – scriveva Pessoa – una stanchezza dell’intelligenza astratta ed è la più terribile  delle stanchezze. Non è pesante come la stanchezza del corpo, e non è inquieta come la  dell’emozione. È un peso della consapevolezza del mondo, una impossibilità di  con l’anima».

Nell’opera di Giuseppe Rescigno il segno assume un ruolo di primaria importanza,  come vettore di una effettiva partecipazione sociale dell’attività estetica. È un segno  che si fa comunicazione diretta, dialogo con quanto attira la sua attenzione e il suo  interesse. Un vettore dunque portante che, per la sua essenzialità ed immediatezza,  si dispone quale “segnale”; cioè si fa evidenza di una precisa ed univoca  comunicazione, grazie alla quale Rescigno prova a mettere in contatto luoghi della  contemporaneità, con memorie ancestrali, con lontane ritualità arcaiche. 

Tali segnali come è nel caso dell’installazione proposta per l’edicola-RARA,  fondano sull’alternarsi, in misura tridimensionale, di forme-sagome che, talora  realizzate con colori accesi e squillanti talaltra riportate all’originario colore del  ferro, danno vita a giochi di pieni e di vuoti. È così per Segni celtici, concepiti  dall’artista come veri e propri complessi scultorei, che aggregano più forme,
istituendo con il fondo un gioco di relazioni dettato dalle ombre.

Il richiamo al dizionario dei ‘segnali’ urbani, a quei segni attinti al codice dei ‘movimenti’ di una città consente all’artista di ideare il complesso plastico come  variabile, vale a dire disposto a confrontarsi con i luoghi, come avviene per questa  esperienza messa su a Terlizzi nel quadrilatero di una ‘cella’. L’artista torna  nuovamente su un tema che da oltre quarant’anni sollecita domande alla sua  immaginazione: ossia torna ad interrogarsi riguardo alla città, ai suoi luoghi, alla sua  anima che rende viva e pulsante di storia il presente. Massimo Bignardi

RA contemporaryArt · Museo FRaC Baronissi SA · Pro Loco Terlizzi
il Sito dell’Arte · Ceramica, Liceo Artistico Corato · Studio ADF, consulting
CaravanSerraglio, ricevimenti · il Vicolo, ristorante
il Cibo degli Dei, pasticceria · Augustus, b&b · il Portale, b&b
LineaGrafica, tipolitografia · Aeroplani di Carta, comunicazione

www.facebook.com/EdicolaRaRa - contatti: 338.7674491

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…