Passa ai contenuti principali

Edicola RAra, Rescigno: SegniCeltici

Giovedì 23 marzo dalle ore 19:00 alle ore 23
Via de Cristoforis, centro storico, 70038 Terlizzi (Ba)
 
 
INFINITO SPAZIO DI UNA CELLA. Le «discipline umanistiche – è quanto evidenziava  Gombrich nella relazione al simposio organizzato dalla Fondazione Praemium Erasmianum  nel 1988 – devono dipendere da un sistema di valori» cifra peculiare e dialettica che «le  distingue dalle scienze naturali». È un punto fermo che, dagli inquieti anni di avvio del  nuovo millennio, torna a proporsi quale elemento centrale, quasi nodo scottante, del dibattito  sull’arte, segnando un confine, se pur precario, fra le più accreditate tendenze della storia e della critica. Il valore presuppone una scala senza misura ne rapporti: i valori sono ciò che  ci destinano al futuro; è quanto di ciò che il presente ha conservato per essere present...e. Lo  spazio della nostra realtà endless, infinita e fluida sarà il luogo di micro-macro accadimenti,  di eventi, di creatività che daranno ossigeno ai valori, rigenerandone i lieviti.

Nello spazio di una cella confinante con il mondo attraverso un vetro, i linguaggi degli artisti  invitati a realizzare un intervento site specific, cadenzeranno la narrazione di giorni che, uno nell’ altro, racconteranno le emozioni, i sorrisi, le contrarietà: tutto ci aiuterà, perché tutto filtrerà dal vetro e andrà a riporsi nell’ infinito spazio della cella. Ho voluto condividere con  Paolo De Santoli e gli amici della RA contemporanea art il desiderio di costruire una trance  di tempo che verrà, ma anche l’energia che li spinge all’ incontro, a guardare all’arte come  viatico alla ‘stanchezza’ che non è quella fisica.

«Esiste – scriveva Pessoa – una stanchezza dell’intelligenza astratta ed è la più terribile  delle stanchezze. Non è pesante come la stanchezza del corpo, e non è inquieta come la  dell’emozione. È un peso della consapevolezza del mondo, una impossibilità di  con l’anima».

Nell’opera di Giuseppe Rescigno il segno assume un ruolo di primaria importanza,  come vettore di una effettiva partecipazione sociale dell’attività estetica. È un segno  che si fa comunicazione diretta, dialogo con quanto attira la sua attenzione e il suo  interesse. Un vettore dunque portante che, per la sua essenzialità ed immediatezza,  si dispone quale “segnale”; cioè si fa evidenza di una precisa ed univoca  comunicazione, grazie alla quale Rescigno prova a mettere in contatto luoghi della  contemporaneità, con memorie ancestrali, con lontane ritualità arcaiche. 

Tali segnali come è nel caso dell’installazione proposta per l’edicola-RARA,  fondano sull’alternarsi, in misura tridimensionale, di forme-sagome che, talora  realizzate con colori accesi e squillanti talaltra riportate all’originario colore del  ferro, danno vita a giochi di pieni e di vuoti. È così per Segni celtici, concepiti  dall’artista come veri e propri complessi scultorei, che aggregano più forme,
istituendo con il fondo un gioco di relazioni dettato dalle ombre.

Il richiamo al dizionario dei ‘segnali’ urbani, a quei segni attinti al codice dei ‘movimenti’ di una città consente all’artista di ideare il complesso plastico come  variabile, vale a dire disposto a confrontarsi con i luoghi, come avviene per questa  esperienza messa su a Terlizzi nel quadrilatero di una ‘cella’. L’artista torna  nuovamente su un tema che da oltre quarant’anni sollecita domande alla sua  immaginazione: ossia torna ad interrogarsi riguardo alla città, ai suoi luoghi, alla sua  anima che rende viva e pulsante di storia il presente. Massimo Bignardi

RA contemporaryArt · Museo FRaC Baronissi SA · Pro Loco Terlizzi
il Sito dell’Arte · Ceramica, Liceo Artistico Corato · Studio ADF, consulting
CaravanSerraglio, ricevimenti · il Vicolo, ristorante
il Cibo degli Dei, pasticceria · Augustus, b&b · il Portale, b&b
LineaGrafica, tipolitografia · Aeroplani di Carta, comunicazione

www.facebook.com/EdicolaRaRa - contatti: 338.7674491

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…