Passa ai contenuti principali

MOMA Hostel - Museo abitabile

Con Opere di Diamond, Davide Dormino, Barbara Salvucci, Matteo Giuntini, Luca Grechi, Virdi, Francesca Romana Pinzari, Franco Losvizzero, Mauro Magni, Angelo Colagrossi, Gaia Scaramella, Cristiano Quagliozzi, Raimondo Galeano, Tiziana Cera Rosco, Giacomo Tringali e tanti altri.

Si tratta di un nuovo Concept Hostel dedicato alle nuove generazioni di viaggiatori, è il numero zero di un format turistico per giovani che vogliono fare del viaggio un occasione di condivisione. Conoscere nuove persone e incontrarsi con l’arte contemporanea.

Un Ostello, come ce ne sono diversi in Europa ma unico nella sua realizzazione, proiettato nel nuovo millennio con tecnologie all'avanguardia (wi-fi ultraveloce, possibilità di affittare un i-pad, chiavi elettroniche/badje e/o con codici numerici) design contemporaneo, galleria d'arte integrata, Boutique Hostel (possibilità di acquistare oggetti, opere, soluzioni di arredo).

Nato dalla mente di un artista è il luogo per vivere l'esperienza di dormire in un'opera d'arte. Pernottare in un museo per rendere l'esperienza "contemporanea" immersiva a 360 gradi.

Non tutti possono accedere. Le persone dovranno garantire determinati standard di capacità integrativa, di curiosità, educazione e socialità.

E' il luogo dove dalla realtà virtuale dei social si passa alla realtà dell'incontro. Si potrà accedere solo se si è in possesso di un account su Face Book.

Le persone potranno conoscersi prima virtualmente e magari organizzare gite prima dell'arrivo.
Uno spazio virtuale e poi "reale" dove poter viaggiare da solo o con amici/amiche per incontrare altrove… l'altro...l'Arte!


MOMA Hostel - Museo abitabile
Domenica 19 Marzo 2017
Dalle ore 18.00 alle 22.00
in Via Paolo II, 7 a Roma (50 mt dalla Stazione San Pietro; 200 mt dal colonnato di San Pietro)

powered by Franco Losvizzero
www.momahostel.com

Uff.Stampa Francesco Caruso Litrico
mob. +39 333 468 2892
fralit@alice.it

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…