Passa ai contenuti principali

Pet Home Collection al Milan Design Week 2017

In occasione del Fuorisalone del Mobile 2017, Brandodesign presenta a Milano la Pet Home Collection. Una collezione di oggetti di lusso dedicati al benessere di cani e gatti, dove l’attenzione per il dettaglio e l’essenzialità delle linee compositive definiscono uno stile e un carattere unico ed elegante.

Brandodesign viene fondata nel 2015 dall’Architetto Pierangelo Brandolisio che, per far fronte alle esigenze del suo Akita Americano, si appassiona al mondo ancora inesplorato del pet design. Affascinato e sensibile verso gli animali, sempre più coinvolto emotivamente dallo scambio tra animale e uomo, l’architetto realizza prodotti innovativi per l’arredamento, con caratteristiche specifiche per cani e gatti, dove il design si fonde con il comfort, adattandosi alle esigenze specifiche dei nostri animali da compagnia. Da sempre legato alla regione del Friuli Venezia Giulia, antica terra ricca di risorse naturali tra cui legni pregiati, trasforma questi in esclusivi complementi d’arredo.

La scelta dei materiali segue le caratteristiche di semplicità e naturalezza dell’istinto animale al fine di esaltare la genuinità del prodotto finale. L’animale stesso si trova in armonia con un materiale naturale. I prodotti Brando sono creati a mano in Italia, e l’amore e la dedizione per l’artigianalità sono sinonimo di eccellenza, di pregio. I materiali usati comprendono diverse essenze di legno (noce, rovere, abete, castagno, olmo, legno multistrato di betulla), acciaio Cort-en, Betacryl, Plexiglas, Midollino, acciaio Inox, pelle bovina e microfibra.

Per la Milan Design Week Brandodesign presenterà la sua Pet Home Collection e in anteprima due nuove creazioni: Torre-tiragraffi per gatti, un oggetto dal design innovativo composto da una base di acciaio rivestita in pelle, studiato per consentire al gatto benessere, gioco e divertimento grazie a un peluche in pelo di pecora che ruota liberamente, e Baco + Chiurlo, realizzato con un telaio in acciaio Inox rivestito da un raffinato intreccio in Midollino costruito interamente a mano, oggetto che trae ispirazione dalla natura grazie alle sue forme strettamente legate al mondo animale. 

Nel corso dell’evento Brandodesign presenterà anche alcuni dei pezzi più apprezzati del proprio catalogo, come Dune, una struttura scavata e modellata per ricalcare l’anatomia dell’animale e realizzata interamente in legno multistrato di betulla, dimostrandosi un pezzo d’arredo estremamente resistente e funzionale. Cat60, cuccia per gatti realizzata da legni pregiati che si presenta aperta su due lati e offre ampie forature per consentire al nostro gatto di interagire direttamente con il proprio padrone. Tunnel, cuccia per gatti dalle linee minimal che si addice a case open space, disponibile in due innovativi materiali: Core-ten e Betacryl.

Dal 4 al 9 aprile Brandodesign esporrà presso lo spazio M4A-MADE4ART di zona Tortona, location facilmente raggiungibile attraverso la nuova passerella che collega la MM2 P.ta Genova a Via Tortona, con accesso diretto su Via Voghera.

Il 7 aprile sarà possibile incontrare tutto il team di Brandodesign e durante la settimana saranno presenti allevatori di gatti in orari stabiliti che porteranno un esemplare per presentare la razza di gatto e lasciar interagire liberamente l’oggetto con l’animale.

Brandodesign 
Fuorisalone del Mobile - Milan Design Week 2017 | zona Tortona | 4 - 9 aprile 2017 
Special Cocktail venerdì 7 aprile dalle ore 18.30

c/o M4A-MADE4ART 
Ingresso da Via Voghera 14 e da vetrina su Via Cerano  | Come arrivare: MM2 P.ta Genova | tram 14-2-9-19 | bus 74-47-59

Brandodesign | Maniago (PN) 
www.brandodesign.it - info@brandodesign.it | t. +39.0427.737885 | +39.0427.466100

Comunicazione a cura di 
M4A-MADE4ART | Spazio, comunicazione e servizi per l’arte e la cultura 
di Vittorio Schieroni - Elena Amodeo | press@made4art.it 



Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…