Passa ai contenuti principali

Invito. Premio Acacia 2017: Rossella Biscotti

In occasione di MIART e della Settimana dell’Arte Contemporanea promossa dal Comune di Milano – Cultura, il Museo del Novecento presenta “INVITO” 2017 la mostra dedicata all’artista vincitrice del Premio ACACIA - Associazione Amici Arte Contemporanea Italiana, Rossella Biscotti.


Per la seconda volta l’appuntamento espositivo, organizzato da ACACIA e tradizionalmente ospitato nelle abitazioni private dei soci dell’Associazione, trova sede nelle sale del Museo del Novecento, consolidando il rapporto dell’Associazione con una delle sedi museali italiane più importanti.

L’edizione 2017 del Premio, giunto al suo quattordicesimo anno di vita, vede protagonista l’artista Rossella Biscotti (Molfetta, 1978) con l’opera “Dalla stazione marittima al Ministero del Lavoro e Politiche sociali”, 2010, che entrerà a far parte del patrimonio del Museo del Novecento.

L’opera di Rossella Biscotti si basa su un’intensa e approfondita attività di ricerca su episodi storici del nostro passato. Il risultato di questo lavoro d’ indagine produce opere che attraversano la cinematografia, le arti performative, la fotografia e la scultura, con l’intento di stimolare il confronto e la riflessione soggettiva sugli avvenimenti. In particolare le tematiche storiche e politiche si mescolano alla memoria personale con l’intento di offrire riletture inedite delle testimonianze del passato e mantenere vivo il dialogo con il presente. 

"Dalla stazione marittima al Ministero del Lavoro e Politiche sociali" fa parte di una serie di lavori intitolati "Tre performance", realizzati nella primavera del 2010 a Napoli, città che l’artista ha conosciuto in modo approfondito in occasione dei suoi studi presso l’Accademia delle Belle Arti. L’intento è quello di evidenziare la relazione tra la città e l’individuo e fornire spunti di riflessione su problematiche sociali e lavorative. 

"Dalla stazione marittima al Ministero del Lavoro e Politiche sociali" documenta la camminata di un uomo lungo i due chilometri di percorso che collegano due luoghi emblematici della città. Durante il tragitto il protagonista tiene in mano un mattone in ottone, simbolo del lavoro e della fatica, ma anche potenziale strumento di ribellione. 

L’opera si unisce ai lavori di Mario Airò, Rosa Barba, Gianni Caravaggio, Maurizio Cattelan, Roberto Cuoghi, Lara Favaretto, Francesco Gennari, Sabrina Mezzaqui, Marzia Migliora, Adrian Paci, Paola Pivi, Luca Trevisani, Grazia Toderi, Marcella Vanzo, Nico Vascellari, Francesco Vezzoli, Tatiana Trouvé e Linda Fregni Nagler che compongono la collezione ACACIA, generosamente donata dall’Associazione al Museo del Novecento nel 2015, e che ogni anno si arricchisce dell’opera vincitrice del prestigioso premio.


Invito. Premio Acacia 2017: Rossella Biscotti
MUSEO DEL NOVECENTO

Milano - dal 27 marzo al 30 aprile 2017
Piazza Del Duomo (20122)
+39 0288444061
c.museo900@comune.milano.it

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Dardano, il cavaliere dal mantello svolazzante

Domenica 17 marzo, dalle ore 10:30, presso il Museo della Città e del Territorio di Cori (LT), si volgerà l’ultimo appuntamento del ciclo di letture animate e laboratori per le famiglie “Che Mito! Storie e leggende dalla collezione museale e dal territorio”. Il progetto è ideato e realizzato dall’associazione culturale Arcadia nell’ambito dei Servizi Educativi del Museo, con la collaborazione della “Libreria Anacleto” di Cisterna di Latina ed “Utopia 2000” Società Cooperativa Sociale Onlus, patrocinato dal Comune di Cori.
Protagonisti dell’incontro saranno i fondatori mitici dell’antica Cora (tra i quali Dardano) e le copie delle monete coniate nel III secolo a.C. raffiguranti al rovescio un cavaliere all’assalto con lancia, corta spada, mantello e petaso, in cui è presente la scritta “CORANO”. Probabilmente la figura simboleggia il fondatore mitico della città.
Nella sezione relativa ai miti di fondazione si ascolteranno i tre filoni leggendari sulla nascita di Cori: Plinio e Solino, r…