Passa ai contenuti principali

Il Museo della Moda di Palazzo Morando

Palazzo Morando | Costume Moda Immagine ospita la quarta edizione di “Grazietta Butazzi Lectures”, incontri dedicati alla storia della moda e del costume avviati nel 2014, che rendono omaggio al lavoro di catalogazione di abiti e accessori appartenenti alle Civiche Raccolte Storiche condotti dagli anni Settanta dalla stessa Butazzi. 

Curato da Chiara Buss, Ilaria De Palma, Alessandra Mottola Molfino e Francesco Pertegato, il ciclo di quest’anno “IL MUSEO DELLA MODA DI PALAZZO MORANDO Collezioni e donazioni”, comprende tre conferenze aperte al pubblico – 30 marzo, 2 e 30 maggio 2017 – che illustrano il ricco patrimonio civico di capi di abbigliamento e accessori conservato a Palazzo Morando ed eccezionalmente esposto nelle mostre in corso: “Manolo Blahnik. The Art of Shoes” (fino al 9 aprile) e “Ricami di Luce. Paillettes e lustrini nella moda di Palazzo Morando 1770-2004” con l’installazione “Rosa Genoni. Creazioni brillanti in prima assoluta” (fino al 2 luglio). 

Dalle scarpe cinquecentesche alle creazioni contemporanee, passando per preziosi tessuti, magete, lustrini e paillettes tra Settecento e XXI secolo, con un focus finale sulla moda “Made in Italy” di Rosa Genoni, le conferenze indagano alcuni aspetti della creatività e della produzione di accessori e abbigliamento in un dialogo ininterrotto tra storia, società e innovazione. 


CALENDARIO CONFERENZE 
ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili 

30 marzo 2017, ore 12.30* 
IL TACCO. Da simbolo di status virile a strumento di seduzione femminile. Da Saha Abbas a Manolo Blahnik 
di Chiara Buss, storica del tessuto e del costume 
Calzature con tacco medio-alto compaiono in reperti dell’arte centro-asiatica almeno a partire dal X secolo a.C., sempre indossate da uomini a cavallo; questa tipologia di calzatura si diffonde in tutte le aree del Medio Oriente e dell’Europa orientale, ma viene accettata in Europa occidentale solo alla fine del XVI secolo, grazie ai rapporti politici e culturali intrecciati con l’Impero persiano. Il tacco alto rimane prerogativa esclusiva dell’abbigliamento maschile per tutto il Seicento, periodo in cui è rigorosamente vietato alle donne, alle quali è invece riservata la calzatura su piattaforma (zeppa). Dal 1720 circa il tacco scompare dalle calzature maschili dove ricomparirà ciclicamente nella moda e costantemente in campi specifici delle professioni; contemporaneamente entra con prepotenza nella calzatura femminile, per rimanervi – anch’esso a fasi alterne e con notevoli sviluppi formali – sino ai giorni nostri. 

2 maggio 2017, ore 12.30* 
NON È TUTTO ORO QUEL CHE LUCCICA. Dal metallo al vinile alle squame di pesce 
di Gian Luca Bovenzi, storico del costume, e Barbara De Dominicis, restauratrice storica del costume 
Dal Medioevo è attestato l’uso di impreziosire gli abiti con applicazioni metalliche, probabilmente prima delle vere e proprio monete e successivamente dei dischetti in materiali più o meno nobili che, nelle forme e nella brillantezza, le dovevano evocare. Nel corso dei secoli, ciò che interessa non è tanto l’intrinseca preziosità delle paillettes, ma la loro capacità di riflettere la luce e le loro valenze ornamentali e decorative, come attestano numerosi abiti della collezione di Palazzo Morando, attraverso i quali ricostruire l’evoluzione delle paillettes dal Settecento sino ai nostri giorni, passando dall’argento o dal platino al PVC. 

30 maggio 2017, ore 12.30* 
ROSA GENONI. La forza di essere donna 
di Elisabetta Invernici, giornalista di moda e costume, e Raffaella Podreider, nipote biografa e Presidente “Associazione Amici di Rosa Genoni” 
A partire dall’affermazione: “Though the sex to which I belong is considered weak, you will nevertheless find me a rock that bends to no wind” di Elisabetta I, Raffaella Podreider intervistata da Elisabetta Invernici ripercorrerà la vita e l’arte della stilista Rosa Genoni (Tirano, 1867 – Varese, 1954), accompagnata da una galleria di immagini storico-biografiche. Si porrà l’accento sul fenomeno delle “donne protagoniste” dei primi decenni del ‘900 (Madeleine Vionnet, Jeanne Lanvin, Elsa Schiaparelli, Coco Chanel) sottolineando l’energia creativa che ha fatto di Rosa Genoni la fondatrice del Made in Italy


*Seguirà visita guidata alle mostre in corso, previa prenotazione, per un massimo di 25 partecipanti. 
L’accesso alla mostra “Manolo Blahnik. The Art of Shoes” (30 marzo) è con biglietto d’ingresso. 

INFO E PRENOTAZIONI: c.palazzomorando@comune.milano.it





Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…