Passa ai contenuti principali

Il Museo della Moda di Palazzo Morando

Palazzo Morando | Costume Moda Immagine ospita la quarta edizione di “Grazietta Butazzi Lectures”, incontri dedicati alla storia della moda e del costume avviati nel 2014, che rendono omaggio al lavoro di catalogazione di abiti e accessori appartenenti alle Civiche Raccolte Storiche condotti dagli anni Settanta dalla stessa Butazzi. 

Curato da Chiara Buss, Ilaria De Palma, Alessandra Mottola Molfino e Francesco Pertegato, il ciclo di quest’anno “IL MUSEO DELLA MODA DI PALAZZO MORANDO Collezioni e donazioni”, comprende tre conferenze aperte al pubblico – 30 marzo, 2 e 30 maggio 2017 – che illustrano il ricco patrimonio civico di capi di abbigliamento e accessori conservato a Palazzo Morando ed eccezionalmente esposto nelle mostre in corso: “Manolo Blahnik. The Art of Shoes” (fino al 9 aprile) e “Ricami di Luce. Paillettes e lustrini nella moda di Palazzo Morando 1770-2004” con l’installazione “Rosa Genoni. Creazioni brillanti in prima assoluta” (fino al 2 luglio). 

Dalle scarpe cinquecentesche alle creazioni contemporanee, passando per preziosi tessuti, magete, lustrini e paillettes tra Settecento e XXI secolo, con un focus finale sulla moda “Made in Italy” di Rosa Genoni, le conferenze indagano alcuni aspetti della creatività e della produzione di accessori e abbigliamento in un dialogo ininterrotto tra storia, società e innovazione. 


CALENDARIO CONFERENZE 
ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili 

30 marzo 2017, ore 12.30* 
IL TACCO. Da simbolo di status virile a strumento di seduzione femminile. Da Saha Abbas a Manolo Blahnik 
di Chiara Buss, storica del tessuto e del costume 
Calzature con tacco medio-alto compaiono in reperti dell’arte centro-asiatica almeno a partire dal X secolo a.C., sempre indossate da uomini a cavallo; questa tipologia di calzatura si diffonde in tutte le aree del Medio Oriente e dell’Europa orientale, ma viene accettata in Europa occidentale solo alla fine del XVI secolo, grazie ai rapporti politici e culturali intrecciati con l’Impero persiano. Il tacco alto rimane prerogativa esclusiva dell’abbigliamento maschile per tutto il Seicento, periodo in cui è rigorosamente vietato alle donne, alle quali è invece riservata la calzatura su piattaforma (zeppa). Dal 1720 circa il tacco scompare dalle calzature maschili dove ricomparirà ciclicamente nella moda e costantemente in campi specifici delle professioni; contemporaneamente entra con prepotenza nella calzatura femminile, per rimanervi – anch’esso a fasi alterne e con notevoli sviluppi formali – sino ai giorni nostri. 

2 maggio 2017, ore 12.30* 
NON È TUTTO ORO QUEL CHE LUCCICA. Dal metallo al vinile alle squame di pesce 
di Gian Luca Bovenzi, storico del costume, e Barbara De Dominicis, restauratrice storica del costume 
Dal Medioevo è attestato l’uso di impreziosire gli abiti con applicazioni metalliche, probabilmente prima delle vere e proprio monete e successivamente dei dischetti in materiali più o meno nobili che, nelle forme e nella brillantezza, le dovevano evocare. Nel corso dei secoli, ciò che interessa non è tanto l’intrinseca preziosità delle paillettes, ma la loro capacità di riflettere la luce e le loro valenze ornamentali e decorative, come attestano numerosi abiti della collezione di Palazzo Morando, attraverso i quali ricostruire l’evoluzione delle paillettes dal Settecento sino ai nostri giorni, passando dall’argento o dal platino al PVC. 

30 maggio 2017, ore 12.30* 
ROSA GENONI. La forza di essere donna 
di Elisabetta Invernici, giornalista di moda e costume, e Raffaella Podreider, nipote biografa e Presidente “Associazione Amici di Rosa Genoni” 
A partire dall’affermazione: “Though the sex to which I belong is considered weak, you will nevertheless find me a rock that bends to no wind” di Elisabetta I, Raffaella Podreider intervistata da Elisabetta Invernici ripercorrerà la vita e l’arte della stilista Rosa Genoni (Tirano, 1867 – Varese, 1954), accompagnata da una galleria di immagini storico-biografiche. Si porrà l’accento sul fenomeno delle “donne protagoniste” dei primi decenni del ‘900 (Madeleine Vionnet, Jeanne Lanvin, Elsa Schiaparelli, Coco Chanel) sottolineando l’energia creativa che ha fatto di Rosa Genoni la fondatrice del Made in Italy


*Seguirà visita guidata alle mostre in corso, previa prenotazione, per un massimo di 25 partecipanti. 
L’accesso alla mostra “Manolo Blahnik. The Art of Shoes” (30 marzo) è con biglietto d’ingresso. 

INFO E PRENOTAZIONI: c.palazzomorando@comune.milano.it





Post popolari in questo blog

Tadao Cern, Okiiko & Blood Concept nel nuovo spazio CONTEMPORARY CLUSTER #05

Apre il 25 novembre 2017, alle ore 19.00, la stagione di Contemporary Cluster nella nuova sede romana di  Palazzo Cavallerini Lazzaroni, in Via dei Barbieri al civico sette.
Contemporary Cluster #05 proporrà l'arte visiva di Tadao Cern , il design di  Okiiko e le fragranze di Blood Concept per un'esperienza percettiva corale e unica.
In occasione della mostra verrà inoltre presentato il magazine Flewid, creato da Emi Marchionni, con Angelo Cricchi in qualità di Creative Director e Cecile De Montparnasse come Art Director, distribuito in Italia e all'estero dalla Pineapple Media Limited.
Sebastien Bromberger accompagnerà tutta la serata con una accurata selezione musicale. Per l'apertura del nuovo spazio di Via dei Barbieri, Contemporary Cluster presenta per la prima volta al pubblico italiano la personale di Tadao Cern (Vilnius, 1983), giovane artista lituano con all'attivo numerose mostre personali e partecipazioni a collettive in Europa e negli Stati Uniti: tra le al…

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…