Passa ai contenuti principali

Andrea Mastrovito con Here The Dreamers Slepp al Museo H. C. Andersen di Roma

Inaugurazione: giovedì 19 febbraio ore 18 Apertura al pubblico: 20 febbraio - 17 maggio 2015

ANDREA MASTROVITO - HERE THE DREAMERS SLEEP

Con l'ausilio critico di Marco Bazzini ed Eugenio Viola

Inaugurazione: giovedì 19 febbraio ore 18

Apertura al pubblico: 20 febbraio - 17 maggio 2015

Museo Hendrik Christian Andersen
Via Pasquale Stanislao Mancini, 20 - Roma

La mostra HERE THE DREAMERS SLEEP si sviluppa al primo piano del Museo H. C. Andersen, prendendo spunto dalla storia della famiglia Andersen e dal progetto futuristico di Hendrik Christian riguardante il World Center of Communication, e arrivando ad affrontare il tema universale dell'utopia.

Nelle cinque stanze della casa-museo, Andrea Mastrovito riporta in vita l'epopea familiare dello scultore Hendrik, della madre Helene, del fratello pittore Andreas, con la moglie e mecenate Olivia Cushing, evocandoli attraverso riproduzioni da giardino di capolavori scultorei, che diventano personificazioni allegoriche dei quattro membri della famiglia.

In ogni stanza, un gruppo di quattro statue diventa superficie per un'immagine a matita e rimanda, in parallelo alla vicenda privata, ad alcune grandi tematiche collettive: il riscatto femminile, l'omosessualità, l'ideologia. «Il disegno, per sua natura bidimensionale - chiarisce Eugenio Viola - assume [qui], come spesso nel lavoro di Mastrovito, una dimensione installativa e un'ambizione ambientale».

Così come recita il titolo HERE THE DREAMERS SLEEP, frase incisa sulla tomba di famiglia, gli Andersen furono dei grandi sognatori: Mastrovito coglie quest'aspetto e, alternando sogno e realtà, incubo e sonno, mette in relazione la cronologia familiare e il tempo inteso come Storia dell'umanità che, per l'artista, è assimilabile a un ciclo infinito di creazione-distruzione-creazione. Le statue, infatti, dialogano con una serie di collage che ripercorrono le utopie del nostro tempo, i loro cortocircuiti e la loro caduta.

Di stanza in stanza, le sculture crollano una alla volta, seguendo l'ordine in cui i membri della famiglia sono venuti a mancare: prima Andreas, poiOlivia, quindi Helene e da ultimo proprio Hendrik. Nel salone centrale rimangono solo macerie, sulle quali l'artista disegna la mappa dell'immaginario World Center, cui erano destinati i gruppi scultorei in gesso realizzati da Hendrick e conservati al piano inferiore del Museo.
Attraverso il contrasto tra l'enfasi retorica di questi ultimi e i soggetti inflazionati scelti da Mastrovito, la mostra suggerisce una chiave per rileggere il ruolo rappresentativo della scultura.
«L'abbattimento delle statue o la loro distruzione - commenta Marco Bazzini - è sempre stato l'atto d'inizio di una rivoluzione, di ideali utopici che poi a loro volta si sono sgretolati».

La rassegna, supportata da Boxart (Verona), è arricchita dal catalogo Maretti Editore con testi critici di Marco Bazzini e Eugenio Viola.

Andrea Mastrovito. HERE THE DREAMERS SLEEP
con l'ausilio critico di Marco Bazzini ed Eugenio Viola

Museo Hendrik Christian Andersen
Via Pasquale Stanislao Mancini 20, 00196 Roma

Informazioni 

tel. +39 06 3219089
s-gnam.museoandersen@beniculturali.it
www.museoandersen.beniculturali.it
www.gnam.beniculturali.it

Ufficio stampa GNAM 
Laura Campanelli
con Alessandro Chierchia
tel.+39 06 32298328
s-gnam.uffstampa@beniculturali.it

Ufficio stampa Boxart 
Lucia Bosso
tel. +39 338 3226379
luciabosso@gmail.com

Post popolari in questo blog

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …

Cancelli d’ombra alla Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia

La Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia (Corso Garibaldi, 4) presenta, dal 15 dicembre 2018 al 16 gennaio 2019, la consueta collettiva di Natale con opere pittoriche, scultoree e fotografiche di una trentina di autori contemporanei, da Julia Bornefeld e Sandra Brandeis Crawford a Luca Caccioni, Claudio Costa e Graziano Pompili.
La mostra trae il titolo – “Cancelli d’ombra” – da una poesia di Andrea Basiricò che recita: «… E i cancelli d’ombra / della sera ricamano / i giardini / dove occhi di silenzio / si spengono / sull’orlo dell’asfalto…».
In esposizione, opere di Andrea Basiricò, Julia Bornefeld, Mirko Baricchi, Anna Bennicelli, Alketa Bercaj Delishaj, Elisa Bertaglia, Sandra Brandeis Crawford, Luca Caccioni, Corrado Campisi, Claudio Costa, Giovanni Cossu, Omar Galliani, Federica Giulianini, Ludmila Kazinkina, Nicoletta Moncalieri, Maria Morelli, Silvia Pavarini, Simone Pellegrini, Graziano Pompili, Turi Rapisarda, Enzo Silvi, Sebastiano Simonini, Orfeo Tamburi, Giuseppe…