Passa ai contenuti principali

Nexus - Fabio Massimo Caruso espone allo Spazio Comel di Latina

Nexus è il titolo della mostra personale di Fabio Massimo Caruso che sarà inaugurata il giorno 7 febbraio 2015 allo Spazio Comel, alle ore 18.30 in via Neghelli 68 – 04100 Latina (LT).

La Galleria sarà aperta da martedì a giovedì, dalle ore 18.00 alle 20.00, da venerdì a domenica, dalle ore 17.00 alle 21.00.

Lo Spazio Comel ospiterà la personale dal 7 febbraio al 22 febbraio 2015.

Il progetto artistico che si realizzerà nello straordinario spazio della Galleria, nell’augurio che possa incontrare l’interesse del pubblico, si pone l’obiettivo di dare una forma all’incontro tra persone provenienti da realtà tanto lontane e diverse e un luogo dove poter costruire un futuro. La metafora inizierà ad essere configurata al momento dell’inaugurazione della personale di Fabio Massimo Caruso, grazie anche al contributo di alcune performance e con la proiezione di alcuni video.

Le 30 opere di Fabio Massimo Caruso esposte sulle pareti dello Spazio Comel, accompagneranno le diverse performance delineando la tematica del progetto. I dipinti rimarranno esposti fino al 22 febbraio termine della mostra.

Nexus intende rappresentare l’entusiasmo, i sacrifici, la creatività, l’impegno e le aspirazioni delle genti che si sono spostate per raggiungere una destinazione che desse loro un germoglio di speranza, da cui poi far generare occasioni nuove di vita dando il via ad una trasformazione continua del territorio. Il flusso delle persone che si sono mosse dai luoghi di appartenenza ha trovato nel confronto con la terra che li avrebbe ospitati, soluzioni alternative, unendo culture, storie, abitudini e sogni che hanno permesso poi di mutare la prospettiva della propria vita.

Il progetto Nexus, si propone di poter configurare la relazione andatasi a creare tra il flusso di persone provenienti dal Veneto, Friuli e dall’Emilia e il territorio intorno alla città di Latina che le avrebbe poi accolte.

A simboleggiare la dinamica dell’evento al momento dell’inaugurazione contribuiranno:
La performance, dello stesso Caruso, che su di una superficie appositamente preparata creerà attraverso i segni e la materia pittorica, forme che alludono a persone che si muovono, che si spostano che si incontrano.

Seguirà la performance del Maestro Alberto Antinori compositore, arrangiatore e polistrumentista che con le corde della sua chitarra entrerà nel tessuto dell’evento, trasformando le note in colori.

Interverrà il soprano Laura Di Marzo che con il prezioso strumento della sua voce dipingerà nello spazio della Galleria tonalità avvincenti in accordo con le altre performance.

Mentre avviene il susseguirsi delle performance e sul grande schermo dello Spazio Comel saranno proiettati dei video in sintonia con il tema dell’evento dell’artista francese Mathieu Duvignaud (Natal – Brasile), che andrà in loop per tutto l’arco della serata e per il proseguo della mostra.

Monica Ferrarini curatrice e critica d’arte nel corso dell’inaugurazione interverrà, illustrando i presenti sul fecondo ma anche tempestoso rapporto una volta esistente tra gli artisti, affermando che proprio quel confronto acceso tra cuori infiammati dall’arte è stato uno dei motivi che ha fatto nascere correnti artistiche e avanguardie. Una connessione considerata prima come un prezioso e fruttuoso scambio ma che nel tempo è andato purtroppo via via ad affievolirsi.

Il senso dell’idea Nexus si può sviluppare ovunque nel mondo perché le persone che si incontrano e trovano nel contatto una armonizzazione che li unisce e dalla quale può nascere una scintilla malgrado le diversità sociali, culturali e umane crea poi soluzioni, occasioni che trasformano e rinnovano l’esperienza umana.
L’incontro quando ha fertilità di intenti è corrente elettrica, un generatore di opportunità, un germoglio che matura e diviene fioritura, vive di una dinamica intensa ed è diffusore di un grande ardore creativo.

L’evento artistico vuole riproporre in una apposita veste l’esperienza (giugno 2014) di Fabio Massimo Caruso a Natal in Brasile alla Pinacoteca Potiguar con il progetto artistico “U Percurso (Il Percorso)” in occasione di “Italia na Copa” – manifestazione ideata ed organizzata dall’Ambasciata italiana con sede a Brasilia, dove la mostra dell’autore ha simboleggiato pittoricamente l’antico e contemporaneo legame tra il popolo italiano e quello brasiliano.

Contributo all’evento:

IMAGO: www.imgproduzioni.it
Domenico Bartolomei: Supporto tecnico
Stefano Donati: Comunicazione
Massimo Di Soccio: Fotografie



















http://www.fabiomassimocaruso.com/

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…