Passa ai contenuti principali

Festa del Gatto 2015

La Galleria-Libreria d’Arte “Babele” celebra quest’anno la FESTA DEL GATTO (17 febbraio) con una rassegna di splendide tavole e un libro illustrato in bianco e nero, che narrano il rapporto magico e speciale che vive tra gli umani e questi meravigliosi felini “domestici”, già molto amati anche dagli antichi egizi.
La manifestazione, organizzata in ricordo della celebre mostra collettiva Gattart di Fiora Leone, propone le opere dei maggiori artisti illustratori contemporanei, accanto a trenta tavole originali del volume “Gatto Unico. Del gatto Uno e della di lui madre Mati” di Giovanna Durì (Nuages editore).

Inaugurazione con signature du livre: martedì 17 febbraio, alle ore 17, Galleria-Libreria d’Arte “Babele” (Firenze, via delle Belle Donne 41/r).

Dédicace anche mercoledì 18 febbraio dalle ore 17 alle 19.30.

«Quella che vedremo è una stupefacente galleria degli animali più desiderabili, dall’innato fascino capace di conquistare con uno sguardo. - sottolinea Laura Accordi, art director e titolare della Galleria “Babele” - È difficile che il visitatore, osservando queste immagini di gatti ritratti non ne riconosca almeno uno, che evochi esperienze vissute o che ha segnato la sua vita».

«Anni fa, avrei dato del pazzo a chiunque mi avesse predetto una convivenza con due gatti», rivela in proposito Giovanna Durì, autrice del volume che racconta la storia vera di Uno: micio un po’ tonto, molto buffo, ma saggio; unico esemplare dell’ultimo parto di Mati, la gatta intelligente di casa Durì, nel corso degli anni, madre orgogliosa di altri dieci bellissimi cuccioli.

La matita appassionata di Giovanna Durì ritrae vizi, dubbi e virtù di Uno, tratteggiandoli con delicato affetto e disegna “la riconoscenza della comprensione”, per ringraziare questi animali, tutti speciali e unici come Uno, di tutto ciò che essi riescono a insegnare ogni giorno a noi umani.
«Gatto Unico - spiega Giovanna Durì - mi ha permesso di guardare le piccole e grandi cose della vita con una prospettiva diversa, migliore e - continua - mi ha insegnato che non esistono fastidio o nervosismo così forti da non poter essere leniti dalla contemplazione di un gatto che dorme. Tutti i miei pensieri possono accucciarsi con lui».

Oltre alle suggestive tavole di Giovanna Durì, si potranno ammirare anche i gatti di: Romola Bellandi, Pierre Bourrigault, Stefano Centonze, Gabriele Genini, Gabriella Giandelli, Giorgio Maria Griffa, Paolo Guidotti, Roberto Innocenti, Giuliana Maldini, Franco Matticchio, Lorenzo Mattotti, Josè Munoz, Arianna Papini, Roberto Perini, Cristina Piccioli, Erika Pittis, Andrea Rauch, Guido Scarabottolo, Pia Valentinis e Francesca Zoboli.

«Sospesi nello spazio e nel tempo - conclude Laura Accordi - sono gatti curiosi, buffi, sensuali, ironici o sconvolgenti; con i loro grandi occhi, fermi, rotondi e scintillanti prendono possesso dell’osservatore e lo avvincono con la suspense di un thriller denso di mistero; ma, allo stesso tempo, sono così soffici, teneri e domestici, così irresistibili, che questo alone di terrore non convince e lascia il posto a una indicibile dolcezza».

Post popolari in questo blog

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …

Cancelli d’ombra alla Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia

La Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia (Corso Garibaldi, 4) presenta, dal 15 dicembre 2018 al 16 gennaio 2019, la consueta collettiva di Natale con opere pittoriche, scultoree e fotografiche di una trentina di autori contemporanei, da Julia Bornefeld e Sandra Brandeis Crawford a Luca Caccioni, Claudio Costa e Graziano Pompili.
La mostra trae il titolo – “Cancelli d’ombra” – da una poesia di Andrea Basiricò che recita: «… E i cancelli d’ombra / della sera ricamano / i giardini / dove occhi di silenzio / si spengono / sull’orlo dell’asfalto…».
In esposizione, opere di Andrea Basiricò, Julia Bornefeld, Mirko Baricchi, Anna Bennicelli, Alketa Bercaj Delishaj, Elisa Bertaglia, Sandra Brandeis Crawford, Luca Caccioni, Corrado Campisi, Claudio Costa, Giovanni Cossu, Omar Galliani, Federica Giulianini, Ludmila Kazinkina, Nicoletta Moncalieri, Maria Morelli, Silvia Pavarini, Simone Pellegrini, Graziano Pompili, Turi Rapisarda, Enzo Silvi, Sebastiano Simonini, Orfeo Tamburi, Giuseppe…