Passa ai contenuti principali

Le fotografie di Mario Giacomelli in mostra al Photology

Opere fotografiche storiche da collezioni private. Uno spazio di pochi cm quadrati che diventa il luogo delle idee, soprattutto quelle in mutamento che derivano da esperienze sul campo e in camera oscura.

"La più bella frase di Hugo von Hofmannsthal, "I buoni pensieri si debbono poter guardare anche da dietro" mi da' il La per una analisi "da tergo" di quest'ultima mostra di Mario Giacomelli a Milano. Una selezione di opere storiche acquisite negli anni da collezionisti e appassionati internazionali che ritornano momentaneamente unite una accanto all'altra, proprio come nell'archivio di Giacomelli in via Verdi a Senigallia quando vi entrai per la prima volta nel lontano 1992. Sì. Giacomelli, l'artista a cui sia a livello umano che professionale devo di più, a cui va questo ultimo tributo milanese per Photology che chiuderà la propria base nel prossimo dicembre, per lasciare posto a nuove basi operative a Bologna, Noto e Garzon Uruguay.

Non si può conoscere il più geniale foto-artista italiano del ventesimo secolo senza guardare le sue prime opere, ma non solo guardando l'immagine impressa, (ritratti, paesaggi, spiagge e sperimentazioni astratte) ma anche voltandola, godendo dell'opera da dietro. Un insieme di titoli, firme, annotazioni, timbri, cancellature, segni, etichette adesive prima messe poi staccate...

Una vita vissuta da tergo per opere che sono state vere e proprie "copie lavoro". Uno spazio di pochi centimetri quadrati che diventa il luogo delle idee, soprattutto quelle in mutamento, una metamorfosi che deriva da esperienze sul campo e in camera oscura. Il risultato di questo lavoro continuo ci regala stampe smaltate, uniche, senza negativo, che vengono realizzate da Giacomelli tra il 1953 e il 1963, dieci anni di sperimentazione e visioni che prendono vita nella mente del fotografo marchigiano, vivendo poi con la macchina fotografica in mano in quei pochi metri tra paese, spiaggia, casa e campagna.

"Vintage prints", come dicono quei curatori e galleristi americani, portate al MOMA come esempio stampato dell' unico italiano tra i 100 foto artisti di Looking at Photographs. Originali che vengono tutti da fogli 30x40 Agfa extra weight tagliati a seconda dell'inquadratura e che assumono le forme più stravaganti. Ogni fotografia di questo periodo reca sul retro il famoso timbro via Mastai 6, che riporta il civico originario del luogo di lavoro di Giacomelli, in seguito diventato 24. Anche i titoli vengono scritti secondo una prima, istintiva intuizione come PRETINI poi diventata la serie "Non ho mani che mi accarezzino il volto"; oppure L'UOMO E IL SUO MONDO serie mai ultimata; anche alcune più volte cancellate secondo una prima stesura che viene intitolata FELICI, L'AMORE, L'UOMO LA DOMENICA, GIOVANI D'OGGI, per lasciare posto al definitivo "un uomo, una donna, un amore". Oppure VITA D'OSPIZIO che è il titolo originale di "Verrà la morte e avrà i tuoi occhi" e nella serie "Puglia" i titoli erano scritti confusamente tutti assieme come LA VEDOVA E I FIGLI, FAMIGLIA ZINGARA, BAMBINI POVERI IN SARDEGNA e anche SICILIA.

E poi scarabocchi, colori, macchie di ogni tipo, timbri colorati e firme di ogni foggia; uno spazio una volta bianco occupato dalla vita e dal lavoro di decenni, che lascia a chi guarda oggi, un tempo prolungato come in un collage di David Hockney. Una immagine davanti che trova una sua dilatazione sul retro: per capire basta girare...
Una lettura Twomblyana che ci porta in un viaggio immaginario, un volo radente sulla realtà, ma soprattutto dentro la mente di uno dei più grandi artisti italiani che magicamente ci mostra che la fotografia, come la strofa per il poeta, è quel click che in un istante trasforma i buoni pensieri in sogni visivi."- Davide Faccioli

PRIVATE - MARIO GIACOMELLI
dal 19/2/2015 al 10/4/2015

Photology
via della Moscova, 25 - 20121 Milano

Orario: da lunedì a venerdì ore 11-19
o su prenotazione ore 12-14 e 19-21

lun - ven 11-19

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …