Passa ai contenuti principali

Le fotografie di Mario Giacomelli in mostra al Photology

Opere fotografiche storiche da collezioni private. Uno spazio di pochi cm quadrati che diventa il luogo delle idee, soprattutto quelle in mutamento che derivano da esperienze sul campo e in camera oscura.

"La più bella frase di Hugo von Hofmannsthal, "I buoni pensieri si debbono poter guardare anche da dietro" mi da' il La per una analisi "da tergo" di quest'ultima mostra di Mario Giacomelli a Milano. Una selezione di opere storiche acquisite negli anni da collezionisti e appassionati internazionali che ritornano momentaneamente unite una accanto all'altra, proprio come nell'archivio di Giacomelli in via Verdi a Senigallia quando vi entrai per la prima volta nel lontano 1992. Sì. Giacomelli, l'artista a cui sia a livello umano che professionale devo di più, a cui va questo ultimo tributo milanese per Photology che chiuderà la propria base nel prossimo dicembre, per lasciare posto a nuove basi operative a Bologna, Noto e Garzon Uruguay.

Non si può conoscere il più geniale foto-artista italiano del ventesimo secolo senza guardare le sue prime opere, ma non solo guardando l'immagine impressa, (ritratti, paesaggi, spiagge e sperimentazioni astratte) ma anche voltandola, godendo dell'opera da dietro. Un insieme di titoli, firme, annotazioni, timbri, cancellature, segni, etichette adesive prima messe poi staccate...

Una vita vissuta da tergo per opere che sono state vere e proprie "copie lavoro". Uno spazio di pochi centimetri quadrati che diventa il luogo delle idee, soprattutto quelle in mutamento, una metamorfosi che deriva da esperienze sul campo e in camera oscura. Il risultato di questo lavoro continuo ci regala stampe smaltate, uniche, senza negativo, che vengono realizzate da Giacomelli tra il 1953 e il 1963, dieci anni di sperimentazione e visioni che prendono vita nella mente del fotografo marchigiano, vivendo poi con la macchina fotografica in mano in quei pochi metri tra paese, spiaggia, casa e campagna.

"Vintage prints", come dicono quei curatori e galleristi americani, portate al MOMA come esempio stampato dell' unico italiano tra i 100 foto artisti di Looking at Photographs. Originali che vengono tutti da fogli 30x40 Agfa extra weight tagliati a seconda dell'inquadratura e che assumono le forme più stravaganti. Ogni fotografia di questo periodo reca sul retro il famoso timbro via Mastai 6, che riporta il civico originario del luogo di lavoro di Giacomelli, in seguito diventato 24. Anche i titoli vengono scritti secondo una prima, istintiva intuizione come PRETINI poi diventata la serie "Non ho mani che mi accarezzino il volto"; oppure L'UOMO E IL SUO MONDO serie mai ultimata; anche alcune più volte cancellate secondo una prima stesura che viene intitolata FELICI, L'AMORE, L'UOMO LA DOMENICA, GIOVANI D'OGGI, per lasciare posto al definitivo "un uomo, una donna, un amore". Oppure VITA D'OSPIZIO che è il titolo originale di "Verrà la morte e avrà i tuoi occhi" e nella serie "Puglia" i titoli erano scritti confusamente tutti assieme come LA VEDOVA E I FIGLI, FAMIGLIA ZINGARA, BAMBINI POVERI IN SARDEGNA e anche SICILIA.

E poi scarabocchi, colori, macchie di ogni tipo, timbri colorati e firme di ogni foggia; uno spazio una volta bianco occupato dalla vita e dal lavoro di decenni, che lascia a chi guarda oggi, un tempo prolungato come in un collage di David Hockney. Una immagine davanti che trova una sua dilatazione sul retro: per capire basta girare...
Una lettura Twomblyana che ci porta in un viaggio immaginario, un volo radente sulla realtà, ma soprattutto dentro la mente di uno dei più grandi artisti italiani che magicamente ci mostra che la fotografia, come la strofa per il poeta, è quel click che in un istante trasforma i buoni pensieri in sogni visivi."- Davide Faccioli

PRIVATE - MARIO GIACOMELLI
dal 19/2/2015 al 10/4/2015

Photology
via della Moscova, 25 - 20121 Milano

Orario: da lunedì a venerdì ore 11-19
o su prenotazione ore 12-14 e 19-21

lun - ven 11-19

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tutti i premi di Artissima 2017

Scoprire la bellezza, riconoscerla, premiarla, sostenerla, diffonderla: fedele al suo ruolo di fiera innovativa, sperimentale e anticipatrice, anche quest'anno Artissima supporta il futuro dell'arte contemporanea attraverso l'assegnazione di 7 premi. Nati in collaborazione con sponsor e istituzioni, i riconoscimenti 2017 sono rivolti ad artisti e gallerie presenti in fiera e sono assegnati da giurie internazionali composte da curatori e direttori dei principali musei d'arte contemporanea del mondo.


Campari Art Prize (new): promosso dal Gruppo Campari, il premio è assegnato a un artista under 35 che incentri la sua ricerca sul potere evocativo del racconto nelle sue molteplici declinazioni e sulla dimensione comunicativa dell’opera. Giuria: Adam Budak, Francesco Stocchi, Carina Plath
Refresh Premio Irinox (new): promosso da Irinox, il premio è assegnato a un artista della sezione Disegni che si distingua per la capacità di 'reinventare conservando', esaltando in …