Passa ai contenuti principali

Maria Leonardi Pennisi e i suoi Corpi di donna in mostra al Teatro Machiavelli di Catania

Da quest'oggi al 15 febbraio 2015 negli spazi di Piazza Università di Catania, il Teatro Machiavelli presenta la mostra personale della pittrice e incisore Maria Leonardi Pennisi, dal titolo "Corpi di donna", organizzata dalla Fondazione Lamberto Puggelli e dall’Associazione senza fini di lucro INGRESSO LIBERO.

Saranno esposti una serie di lavori realizzati tra il 1947 e il 1997, di proprietà della Famiglia Leonardi, che costituiscono una sintesi della ricerca sul corpo e sulla femminilità che l’artista ha sviluppato nel corso di cinquant’anni di lavoro.

Il titolo dell’esposizione introduce a una sezione di pitture e incisioni dal tratto duro e intenso, che ritraggono: donne di casa che, oltre ai lavori domestici, trovano il tempo per dedicarsi alla pittura e alla lettura; donne che lavorano la terra o che pescano e questo si evince dalle grandi mani e dalle robuste gambe; donne dalla prossemica sensuale e dalla mimica pensierosa e cupa. Raramente vediamo i volti di queste donne e, ancora più raramente, ne vediamo gli sguardi. Sono i dettagli a fornire le chiavi di lettura delle opere di quest’artista nata ad Acireale e formatasi a Roma.

Nelle parole di Francesco Pennisi, autore del testo “Una passione governata dalla ragione” presente nella monografia edita da Bonanno Editore, è esplicitata quest’analisi del “dettaglio”: "Così, spesso, a muovere il suo pensiero e il suo pennello sono particolari che altri riterrebbero secondari: forse un punto dal colore acceso tra i grigi, forse un taglio compositivo dettato da una visione rapida e casuale certo mai convenzionale. Insomma, il suo “suggerimento” non verrà mai dal modello “apparecchiato” in studio, piuttosto da un rapido fissarsi nella mente fotografica della suggestione entusiasmante e non da un soggetto definito e completo che si possa osservare e studiare."

Le opere in mostra sembrano essere, a un tempo, un caro album di famiglia e un piccolo dossier sulle mode che si sono susseguite dagli anni ’50 alla fine degli anni ’90. Donne anziane e di mezza età con i capelli raccolti, avvolte in abiti accollati ma che non ne avviliscono la loro femminilità, lasciano spazio a ritratti di giovani donne nude o seminude, con i capelli sciolti ritratte in pose ammiccanti.

Tutte le donne di Maria Leonardi Pennisi sono estremamente sensuali. I loro corpi appaiono formosi, forse, questo fattore è sottolineato anche dall’inquadratura scelta dall’artista che guida, inevitabilmente, l’occhio dell’osservatore a posarsi sulle mani e sui seni di queste donne prive di testa. Le mani riconducono al lavoro nei campi e i seni all’allattamento: un sunto simbolico della vita e della donna madre e lavoratrice.

Corredano la mostra, alcuni testi recitati dalle attrici Emanuela Pistone e Pamela Toscano, il coro Doulce Mémoire diretto da Bruna D’Amico che saranno eseguiti durante l’opening di domenica 1 febbraio, ore 17.00.


Corpi di donna
Maria Leonardi Pennisi
Da domenica 1 febbraio a domenica 15 febbraio 2015
Teatro Machiavelli
Piazza Università 16, 90524 – Catania

Info al pubblico      
tel. +39 388 82 98 458 (fasce orarie attive: 10.00 – 13.00 | 16.00 – 20.00)

info@ingressolibero.eu 
www.ingressolibero.eu


La storica sede del Teatro, riaperta su un progetto del maestro Puggelli e per volontà dell’Ateneo di Catania nel 2010, ospita iniziative culturali, teatrali e scientifiche, animate dalla volontà artistica di sperimentare e promuovere arte e teatro con “ingresso libero” e libere offerte, eliminando così sprechi e attingendo solo a libere donazioni e sponsorizzazioni.

L’evento offre l’opportunità di raccogliere fondi per le attività del 2015.

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…