Passa ai contenuti principali

Maria Leonardi Pennisi e i suoi Corpi di donna in mostra al Teatro Machiavelli di Catania

Da quest'oggi al 15 febbraio 2015 negli spazi di Piazza Università di Catania, il Teatro Machiavelli presenta la mostra personale della pittrice e incisore Maria Leonardi Pennisi, dal titolo "Corpi di donna", organizzata dalla Fondazione Lamberto Puggelli e dall’Associazione senza fini di lucro INGRESSO LIBERO.

Saranno esposti una serie di lavori realizzati tra il 1947 e il 1997, di proprietà della Famiglia Leonardi, che costituiscono una sintesi della ricerca sul corpo e sulla femminilità che l’artista ha sviluppato nel corso di cinquant’anni di lavoro.

Il titolo dell’esposizione introduce a una sezione di pitture e incisioni dal tratto duro e intenso, che ritraggono: donne di casa che, oltre ai lavori domestici, trovano il tempo per dedicarsi alla pittura e alla lettura; donne che lavorano la terra o che pescano e questo si evince dalle grandi mani e dalle robuste gambe; donne dalla prossemica sensuale e dalla mimica pensierosa e cupa. Raramente vediamo i volti di queste donne e, ancora più raramente, ne vediamo gli sguardi. Sono i dettagli a fornire le chiavi di lettura delle opere di quest’artista nata ad Acireale e formatasi a Roma.

Nelle parole di Francesco Pennisi, autore del testo “Una passione governata dalla ragione” presente nella monografia edita da Bonanno Editore, è esplicitata quest’analisi del “dettaglio”: "Così, spesso, a muovere il suo pensiero e il suo pennello sono particolari che altri riterrebbero secondari: forse un punto dal colore acceso tra i grigi, forse un taglio compositivo dettato da una visione rapida e casuale certo mai convenzionale. Insomma, il suo “suggerimento” non verrà mai dal modello “apparecchiato” in studio, piuttosto da un rapido fissarsi nella mente fotografica della suggestione entusiasmante e non da un soggetto definito e completo che si possa osservare e studiare."

Le opere in mostra sembrano essere, a un tempo, un caro album di famiglia e un piccolo dossier sulle mode che si sono susseguite dagli anni ’50 alla fine degli anni ’90. Donne anziane e di mezza età con i capelli raccolti, avvolte in abiti accollati ma che non ne avviliscono la loro femminilità, lasciano spazio a ritratti di giovani donne nude o seminude, con i capelli sciolti ritratte in pose ammiccanti.

Tutte le donne di Maria Leonardi Pennisi sono estremamente sensuali. I loro corpi appaiono formosi, forse, questo fattore è sottolineato anche dall’inquadratura scelta dall’artista che guida, inevitabilmente, l’occhio dell’osservatore a posarsi sulle mani e sui seni di queste donne prive di testa. Le mani riconducono al lavoro nei campi e i seni all’allattamento: un sunto simbolico della vita e della donna madre e lavoratrice.

Corredano la mostra, alcuni testi recitati dalle attrici Emanuela Pistone e Pamela Toscano, il coro Doulce Mémoire diretto da Bruna D’Amico che saranno eseguiti durante l’opening di domenica 1 febbraio, ore 17.00.


Corpi di donna
Maria Leonardi Pennisi
Da domenica 1 febbraio a domenica 15 febbraio 2015
Teatro Machiavelli
Piazza Università 16, 90524 – Catania

Info al pubblico      
tel. +39 388 82 98 458 (fasce orarie attive: 10.00 – 13.00 | 16.00 – 20.00)

info@ingressolibero.eu 
www.ingressolibero.eu


La storica sede del Teatro, riaperta su un progetto del maestro Puggelli e per volontà dell’Ateneo di Catania nel 2010, ospita iniziative culturali, teatrali e scientifiche, animate dalla volontà artistica di sperimentare e promuovere arte e teatro con “ingresso libero” e libere offerte, eliminando così sprechi e attingendo solo a libere donazioni e sponsorizzazioni.

L’evento offre l’opportunità di raccogliere fondi per le attività del 2015.

Post popolari in questo blog

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …

Cancelli d’ombra alla Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia

La Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia (Corso Garibaldi, 4) presenta, dal 15 dicembre 2018 al 16 gennaio 2019, la consueta collettiva di Natale con opere pittoriche, scultoree e fotografiche di una trentina di autori contemporanei, da Julia Bornefeld e Sandra Brandeis Crawford a Luca Caccioni, Claudio Costa e Graziano Pompili.
La mostra trae il titolo – “Cancelli d’ombra” – da una poesia di Andrea Basiricò che recita: «… E i cancelli d’ombra / della sera ricamano / i giardini / dove occhi di silenzio / si spengono / sull’orlo dell’asfalto…».
In esposizione, opere di Andrea Basiricò, Julia Bornefeld, Mirko Baricchi, Anna Bennicelli, Alketa Bercaj Delishaj, Elisa Bertaglia, Sandra Brandeis Crawford, Luca Caccioni, Corrado Campisi, Claudio Costa, Giovanni Cossu, Omar Galliani, Federica Giulianini, Ludmila Kazinkina, Nicoletta Moncalieri, Maria Morelli, Silvia Pavarini, Simone Pellegrini, Graziano Pompili, Turi Rapisarda, Enzo Silvi, Sebastiano Simonini, Orfeo Tamburi, Giuseppe…