Passa ai contenuti principali

Maria Leonardi Pennisi e i suoi Corpi di donna in mostra al Teatro Machiavelli di Catania

Da quest'oggi al 15 febbraio 2015 negli spazi di Piazza Università di Catania, il Teatro Machiavelli presenta la mostra personale della pittrice e incisore Maria Leonardi Pennisi, dal titolo "Corpi di donna", organizzata dalla Fondazione Lamberto Puggelli e dall’Associazione senza fini di lucro INGRESSO LIBERO.

Saranno esposti una serie di lavori realizzati tra il 1947 e il 1997, di proprietà della Famiglia Leonardi, che costituiscono una sintesi della ricerca sul corpo e sulla femminilità che l’artista ha sviluppato nel corso di cinquant’anni di lavoro.

Il titolo dell’esposizione introduce a una sezione di pitture e incisioni dal tratto duro e intenso, che ritraggono: donne di casa che, oltre ai lavori domestici, trovano il tempo per dedicarsi alla pittura e alla lettura; donne che lavorano la terra o che pescano e questo si evince dalle grandi mani e dalle robuste gambe; donne dalla prossemica sensuale e dalla mimica pensierosa e cupa. Raramente vediamo i volti di queste donne e, ancora più raramente, ne vediamo gli sguardi. Sono i dettagli a fornire le chiavi di lettura delle opere di quest’artista nata ad Acireale e formatasi a Roma.

Nelle parole di Francesco Pennisi, autore del testo “Una passione governata dalla ragione” presente nella monografia edita da Bonanno Editore, è esplicitata quest’analisi del “dettaglio”: "Così, spesso, a muovere il suo pensiero e il suo pennello sono particolari che altri riterrebbero secondari: forse un punto dal colore acceso tra i grigi, forse un taglio compositivo dettato da una visione rapida e casuale certo mai convenzionale. Insomma, il suo “suggerimento” non verrà mai dal modello “apparecchiato” in studio, piuttosto da un rapido fissarsi nella mente fotografica della suggestione entusiasmante e non da un soggetto definito e completo che si possa osservare e studiare."

Le opere in mostra sembrano essere, a un tempo, un caro album di famiglia e un piccolo dossier sulle mode che si sono susseguite dagli anni ’50 alla fine degli anni ’90. Donne anziane e di mezza età con i capelli raccolti, avvolte in abiti accollati ma che non ne avviliscono la loro femminilità, lasciano spazio a ritratti di giovani donne nude o seminude, con i capelli sciolti ritratte in pose ammiccanti.

Tutte le donne di Maria Leonardi Pennisi sono estremamente sensuali. I loro corpi appaiono formosi, forse, questo fattore è sottolineato anche dall’inquadratura scelta dall’artista che guida, inevitabilmente, l’occhio dell’osservatore a posarsi sulle mani e sui seni di queste donne prive di testa. Le mani riconducono al lavoro nei campi e i seni all’allattamento: un sunto simbolico della vita e della donna madre e lavoratrice.

Corredano la mostra, alcuni testi recitati dalle attrici Emanuela Pistone e Pamela Toscano, il coro Doulce Mémoire diretto da Bruna D’Amico che saranno eseguiti durante l’opening di domenica 1 febbraio, ore 17.00.


Corpi di donna
Maria Leonardi Pennisi
Da domenica 1 febbraio a domenica 15 febbraio 2015
Teatro Machiavelli
Piazza Università 16, 90524 – Catania

Info al pubblico      
tel. +39 388 82 98 458 (fasce orarie attive: 10.00 – 13.00 | 16.00 – 20.00)

info@ingressolibero.eu 
www.ingressolibero.eu


La storica sede del Teatro, riaperta su un progetto del maestro Puggelli e per volontà dell’Ateneo di Catania nel 2010, ospita iniziative culturali, teatrali e scientifiche, animate dalla volontà artistica di sperimentare e promuovere arte e teatro con “ingresso libero” e libere offerte, eliminando così sprechi e attingendo solo a libere donazioni e sponsorizzazioni.

L’evento offre l’opportunità di raccogliere fondi per le attività del 2015.

Post popolari in questo blog

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tadao Cern, Okiiko & Blood Concept nel nuovo spazio CONTEMPORARY CLUSTER #05

Apre il 25 novembre 2017, alle ore 19.00, la stagione di Contemporary Cluster nella nuova sede romana di  Palazzo Cavallerini Lazzaroni, in Via dei Barbieri al civico sette.
Contemporary Cluster #05 proporrà l'arte visiva di Tadao Cern , il design di  Okiiko e le fragranze di Blood Concept per un'esperienza percettiva corale e unica.
In occasione della mostra verrà inoltre presentato il magazine Flewid, creato da Emi Marchionni, con Angelo Cricchi in qualità di Creative Director e Cecile De Montparnasse come Art Director, distribuito in Italia e all'estero dalla Pineapple Media Limited.
Sebastien Bromberger accompagnerà tutta la serata con una accurata selezione musicale. Per l'apertura del nuovo spazio di Via dei Barbieri, Contemporary Cluster presenta per la prima volta al pubblico italiano la personale di Tadao Cern (Vilnius, 1983), giovane artista lituano con all'attivo numerose mostre personali e partecipazioni a collettive in Europa e negli Stati Uniti: tra le al…

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori