Passa ai contenuti principali

Ancora possibile - Carlo Cane espone alla Galleria RezArte Contemporanea di Reggio Emilia

Il mistero della natura, affascinante e seducente, rivivve nelle opere pittoriche di Carlo Cane, in mostra dal 14 febbraio al 6 aprile 2015 alla Galleria RezArte Contemporanea di Reggio Emilia (Via Emilia Ospizio, 34/D). Curata da Alberto Agazzani, la mostra "Ancora possibile" sarà inaugruata sabato 14 febbraio alle ore 18.00.

Ventidue dipinti inediti, frutto di un’approfondita ricerca che, attraverso il progressivo recupero di paesaggi ideali, giunge ad immagini oniriche e surreali, dominate da una vegetazione rigogliosa e abitate da creature funzionali alla dimensione visionaria.

«Una pittura calibratissima, scrive il curatore, controllata sia pure nel saggio uso dell’apparente casualità delle colature e delle macchie, ordinate e ravvivate ed anzi vivificate, in passato più ancora che oggi, dall’ordine quasi matematico di architetture altrimenti possibili e razionali, sospese, appunto, su spazi aerei totalmente impossibili, e che oggi si arricchiscono sorprendentemente di colori tanto vivaci quanto seducenti».

Opere ad olio e tecnica mista di nuova produzione nelle quali l’autore traduce la bellezza della natura, testimoniando che, come recita il titolo della mostra, è “Ancora possibile” associare alla pittura una funzione estatica, magica, misteriosa, per farci sognare e lenire il malessere generato dalla società contemporanea. «Cos’é, dunque, il Paesaggio – conclude Alberto Agazzani – se non una proiezione. A volte è meglio vivere nei sogni che spegnersi lentamente nella realtà».

La personale sarà visitabile fino al 6 aprile 2015, di martedì, venerdì e sabato con orario 9.00-12.30 e 16.00-19.30, mercoledì e giovedì ore 9.00-12.30, lunedì chiuso, domenica su appuntamneto (tel. 338 1305698, 393 9222135). 
Catalogo Edizioni NFC disponibile in galleria. 

Per informazioni: tel. 0522 333351, www.galleriarezarte.it, info@galleriarezarte.it.

Carlo Cane nasce a Valenza (AL) nel 1951. Si forma artisticamente alla scuola privata di Giulia Pace Zelaschi. Frequenta in seguito lo studio del pittore Gian Paolo Cavalli. Per diversi anni svolge attività di mignaturista e orafo. Prende parte a numerose esposizioni in Italia e all’estero, collaborando anche con la galleria Coates & Scarry di Bristol (UK). Tra le recenti personali, si segnalano “Ghiaccio nove” (Romberg Arte Contemporanea, Latina, 2011, a cura di Italo Bergantini e Gianluca Marziani), “Le città irreali” (Spazio Artè, Reggio Emilia, 2012, a cura di Alberto Agazzani), “Oltre il tangibile” (Palazzo della Cultura, Valenza, a cura di Roberto Milani) ed “Il futuro imminente” (Spazio La Skapigliatura, Trino, 2014, a cura di Alessandro Beluardo). Con la Galleria RezArte Contemporanea partecipa alle collettive “RezArte Estate” (2013) e “Tecniche miste” (2014). Vive e lavora a Valmadonna (AL).


Segnalato da CSArt

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Tadao Cern, Okiiko & Blood Concept nel nuovo spazio CONTEMPORARY CLUSTER #05

Apre il 25 novembre 2017, alle ore 19.00, la stagione di Contemporary Cluster nella nuova sede romana di  Palazzo Cavallerini Lazzaroni, in Via dei Barbieri al civico sette.
Contemporary Cluster #05 proporrà l'arte visiva di Tadao Cern , il design di  Okiiko e le fragranze di Blood Concept per un'esperienza percettiva corale e unica.
In occasione della mostra verrà inoltre presentato il magazine Flewid, creato da Emi Marchionni, con Angelo Cricchi in qualità di Creative Director e Cecile De Montparnasse come Art Director, distribuito in Italia e all'estero dalla Pineapple Media Limited.
Sebastien Bromberger accompagnerà tutta la serata con una accurata selezione musicale. Per l'apertura del nuovo spazio di Via dei Barbieri, Contemporary Cluster presenta per la prima volta al pubblico italiano la personale di Tadao Cern (Vilnius, 1983), giovane artista lituano con all'attivo numerose mostre personali e partecipazioni a collettive in Europa e negli Stati Uniti: tra le al…

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…