Passa ai contenuti principali

Equilibrio - Una mostra a Spazio E di Milano che vuol essere "un inno polimorfo che canta l'uomo".

"Equilibrio" è il titolo della interessante mostra a cura di Valentina Carrera che questo pomeriggio si va ad inaugurare presso Spazio E (Alzaia Naviglio Grande, 4 -Milano) e che mette in esposizione fotografia e pittura. Di seguito gli artisti invitati : Thioro, Alessandro Baito, Marco Bellomi, Giulio Belloni, Fiorenzo Bordin, Ivano Boselli, Valentina Carrera, Liliana Casadei, Raffaele De Francesco, Rossano Di Cicco Morra, Anna Epis, Carlo Fontanella, Paola Gatti, Silvia Gobbo, Serena Groppelli, Paolo Lo Giudice, Marco Lombardo, Germana Lorenzo, Clara Luminoso, Marija Markovic, Italo Mazzei, Monica Mietitore, Giuseppe Orsenigo, Luigi Profeta, Alessandra Repossi, Francesco Romoli, susanna serri, Lyudmila Vasilieva, Pavel Vavilin.

Scrive Alessandro Baito ."L'equilibrio di un uomo, quello rinascimentale che si definisce con il passaggio definitivo oltre il Medioevo, quello dell'artista Leonardo che sperimenta in ogni direzione le possibilità dell'intelletto e dell'azione umani, è anche l'equilibrio dell'artista e dell'uomo oggi.
Ricerca di una definizione di sé, precarietà, difficoltà di rapporti hanno caratterizzato tantissima letteratura e arte sin dal passaggio al 900, in particolare con lo sviluppo dell'Arte Informale. Ancora oggi questi sono i temi dominanti tanto in letteratura come in arte.

L'equilibrio è poi un sogno in questi primi decenni del Terzo Millennio, indecisi e critici, tanto che, per un certo amore verso tradizioni un po' desuete, si è voluto far lavorare gli artisti e fotografi del Gruppo E intorno a questo tema, volutamente senza dichiarare il nucleo principale della riflessione cui la Galleria voleva fare riferimento. In questo modo evitando ogni tipo di retorica si è voluto invitare all'ascolto di coloro che hanno uno sguardo privilegiato sul mondo: gli artisti appunto, capaci di interpretare il reale attraverso segni e sensazioni che penetrano direttamente nella coscienza senza l'inciampo della Parola.

Il risultato finale è un inno polimorfo che canta l'uomoo, della sua abilità a creare cose belle ma anche delle sue debolezze e paure, che canta la Natura, della sua abilità a fascinare ma anche a distruggere, che canta l'Universo, della sua abilità di ricreare sempre la vita ma forse anche in virtù di un equilibrio instabile che se si risolvesse non sarebbe altro che Pace, Morte."


Spazio E
Alzaia Naviglio Grande, 4
Milano

Gruppo E Artisti: Equilibrio.

Marco Bellomi, Giulio Belloni, Valentina Carrera, Raffaele De Francesco, Rossano Di Cicco Morra, Thioro, Germana Lorenzo, Anna Epis, Carlo Fontanella, Silvia Gobbo, Paolo Lo Giudice, Clara Luminoso, Marija Markovic, Italo Mazzei, Giuseppe Orsenigo, Lyudmila Vasilieva.


Gruppo E Fotografi: Equilibrio.
(presso lo Spazio E2)

Alessandro Baito, Fiorenzo Bordin, Ivano Boselli, Valentina Carrera, Liliana Casadei, Paola Gatti, Serena Groppelli, Marco Lombardo, Monica Mietitore, Luigi Profeta, Alessandra Repossi, Francesco Romoli, Susanna Serri, Pavel Vavilin.

Inaugurazione 15 febbraio ore 16 con presentazione Catalogo Gruppo E 2013-2014.

Apertura mostra dal 14 al 20 febbraio 2015
Orari:
dal martedì al sabato dalle ore 15.00 alle ore 19.00
domenica dalle ore 11.00 alle ore 19.00.

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…