Passa ai contenuti principali

The empty Whole di Matteo Sanna a Contact Zone – Contemporary Art Gallery di Lugano

Contact Zone Contemporary Art Gallery  presenta: “The empty Whole” , la prima personale di Matteo Sanna a Lugano, a  cura di Guido Cabib. Opening 5 Marzo 2015 dalle ore 18.00 alle 21.00.

La ricerca artistica di Matteo Sanna, si ricollega al suo vissuto, alla esperienza vivente (Erlebnis), a un’esperienza interiore, che consente all’individuo di conoscere gli oggetti e gli eventi storici, secondo una esplicita finalità.

Tutti i lavori realizzati ed esposti per  lo spazio espositivo di Contact Zone (ready made, sculture,   collages, installazioni , dipinti e foto) stanno ad esplicitare l’aspetto personale, unitario, per cui i contenuti della co-scienza non sono recepiti in modo passivo, ma colti in modo vivo nel fluire della coscienza. A differenza de-gli oggetti legati da rapporti spaziali estrinseci, le esperienze vissute, sono connesse temporalmente in senso retrospettivo e proiettivo per cui originariamente non vi sono singole esperienze isolate, ma piuttosto una vera e propria corrente di esperienze, entro la quale vengono poi distinti sentimenti, violazioni, conoscenze, privazioni, ecc.

Nella “arte” di Matteo Sanna c'è sempre un gesto iniziale e determinante, in questa mostra è rappresento dall'opera “Io sono un Artista “, piccolo lenzuolo che lo avvolgeva nei suoi primi istanti di vita, che sostiene la scansione ossessiva, maniacale dello stile e indica direttamente lo sfondo su cui si proietta la costellazione delle sue opere che compongono i capitoli della sua vita.

Quel che osserviamo ha valore – ci colpisce, ci parla – perché ci riguarda. E se questo è vero, come pensare oggi le implicazioni estetiche, psicologiche, etiche dell’atto di guardare? Georges Didi-Huberman, uno dei più importanti teorici francesi contemporanei, individua nei “guardanti” due atteggiamenti opposti ed egualmente insufficienti: uno sempre pronto a credere, come l’apostolo davanti alla tomba di Cristo, che quanto ha di fronte agli occhi conduca a un piano posto oltre la visione stessa; l’altro ancorato all’apparente evidenza di ciò che si guarda, alla tautologia, al “ciò che si vede è ciò che si vede” e basta. Posizioni opposte e inconciliabili.  Per superare questa dicotomia occorre allora immaginare un modo di guardare che non crede a ciò che vede ma neppure si limita alla pura esaltazione della superficie. Per confrontarsi con il movimento dialettico tra apparenza e profondità che abita ogni immagine, Matteo Sanna sceglie di misurarsi con la figura paterna. 

“The empty whole” è una sorta di camera delle meraviglie: contiene di tutto, in un ordine che, passo passo, è sempre più rivelatore. Con le sue parabole e i suoi paradossi l'artista tiene i fili di un discorso organico, mette insieme una teoria  di opere ed immagini che svelano altro da quel che sembrano al primo sguardo, una realtà sempre in bilico tra essere e apparire, e ci indica dove guardare, alla scoperta di un genere di “conoscenza accidentale». 

Matteo Sanna nasce in Sardegna nel 1984, vive e lavora a Milano, autodidatta.
 Nel corso degli ultimi anni ha partecipato a personali e collettive sia in spazi privati che presso Musei e Isti-tuzioni Pubbliche, fiere nazionali ed internazionali. Nel 2011 e nel 2013 partecipa a Collaterali Ufficiali della Biennale di Venezia riscuotendo apprezzamenti sia dal pubblico che dagli addetti ai lavori. Le sue opere sono presenti in Collezioni Private e Fondazioni  di grande prestigio.


Periodo: dal 5 Marzo al 25 Aprile 2015
Opening : 5 Marzo 2015 dalle ore 18.00 alle ore 21.00
Orari di apertura: dal martedi al venerdì ore 16 / 18 o su appuntamento
Indirizzo: Lugano, Via G.Pessina 8
email: contactzonegallery@gmail.com
Tel: +41 (0)79 845 2266
Website: www.contactzonegallery.ch
Follow us on Facebook, Twitter, Instagram and Pinterest

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…