Passa ai contenuti principali

The empty Whole di Matteo Sanna a Contact Zone – Contemporary Art Gallery di Lugano

Contact Zone Contemporary Art Gallery  presenta: “The empty Whole” , la prima personale di Matteo Sanna a Lugano, a  cura di Guido Cabib. Opening 5 Marzo 2015 dalle ore 18.00 alle 21.00.

La ricerca artistica di Matteo Sanna, si ricollega al suo vissuto, alla esperienza vivente (Erlebnis), a un’esperienza interiore, che consente all’individuo di conoscere gli oggetti e gli eventi storici, secondo una esplicita finalità.

Tutti i lavori realizzati ed esposti per  lo spazio espositivo di Contact Zone (ready made, sculture,   collages, installazioni , dipinti e foto) stanno ad esplicitare l’aspetto personale, unitario, per cui i contenuti della co-scienza non sono recepiti in modo passivo, ma colti in modo vivo nel fluire della coscienza. A differenza de-gli oggetti legati da rapporti spaziali estrinseci, le esperienze vissute, sono connesse temporalmente in senso retrospettivo e proiettivo per cui originariamente non vi sono singole esperienze isolate, ma piuttosto una vera e propria corrente di esperienze, entro la quale vengono poi distinti sentimenti, violazioni, conoscenze, privazioni, ecc.

Nella “arte” di Matteo Sanna c'è sempre un gesto iniziale e determinante, in questa mostra è rappresento dall'opera “Io sono un Artista “, piccolo lenzuolo che lo avvolgeva nei suoi primi istanti di vita, che sostiene la scansione ossessiva, maniacale dello stile e indica direttamente lo sfondo su cui si proietta la costellazione delle sue opere che compongono i capitoli della sua vita.

Quel che osserviamo ha valore – ci colpisce, ci parla – perché ci riguarda. E se questo è vero, come pensare oggi le implicazioni estetiche, psicologiche, etiche dell’atto di guardare? Georges Didi-Huberman, uno dei più importanti teorici francesi contemporanei, individua nei “guardanti” due atteggiamenti opposti ed egualmente insufficienti: uno sempre pronto a credere, come l’apostolo davanti alla tomba di Cristo, che quanto ha di fronte agli occhi conduca a un piano posto oltre la visione stessa; l’altro ancorato all’apparente evidenza di ciò che si guarda, alla tautologia, al “ciò che si vede è ciò che si vede” e basta. Posizioni opposte e inconciliabili.  Per superare questa dicotomia occorre allora immaginare un modo di guardare che non crede a ciò che vede ma neppure si limita alla pura esaltazione della superficie. Per confrontarsi con il movimento dialettico tra apparenza e profondità che abita ogni immagine, Matteo Sanna sceglie di misurarsi con la figura paterna. 

“The empty whole” è una sorta di camera delle meraviglie: contiene di tutto, in un ordine che, passo passo, è sempre più rivelatore. Con le sue parabole e i suoi paradossi l'artista tiene i fili di un discorso organico, mette insieme una teoria  di opere ed immagini che svelano altro da quel che sembrano al primo sguardo, una realtà sempre in bilico tra essere e apparire, e ci indica dove guardare, alla scoperta di un genere di “conoscenza accidentale». 

Matteo Sanna nasce in Sardegna nel 1984, vive e lavora a Milano, autodidatta.
 Nel corso degli ultimi anni ha partecipato a personali e collettive sia in spazi privati che presso Musei e Isti-tuzioni Pubbliche, fiere nazionali ed internazionali. Nel 2011 e nel 2013 partecipa a Collaterali Ufficiali della Biennale di Venezia riscuotendo apprezzamenti sia dal pubblico che dagli addetti ai lavori. Le sue opere sono presenti in Collezioni Private e Fondazioni  di grande prestigio.


Periodo: dal 5 Marzo al 25 Aprile 2015
Opening : 5 Marzo 2015 dalle ore 18.00 alle ore 21.00
Orari di apertura: dal martedi al venerdì ore 16 / 18 o su appuntamento
Indirizzo: Lugano, Via G.Pessina 8
email: contactzonegallery@gmail.com
Tel: +41 (0)79 845 2266
Website: www.contactzonegallery.ch
Follow us on Facebook, Twitter, Instagram and Pinterest

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …