Passa ai contenuti principali

Primo Piano LivinGallery si riempie di Blu Zaffiro

Parte il 3 Febbraio il secondo appuntamento con Project Room, un ciclo di mostre in real-time in 3D, ideate e curate da Dores Sacquegna, per rendere omaggio al colore e ai protagonisti dell’arte, e che ripercorre – attraverso riferimenti, simbologie e alchimie - la storia dell’arte dalle origini ai giorni nostri. 

Attraverso la fruizione delle opere di artisti contemporanei (che di volta in volta si susseguono tra una cromia e l’altra) , passato, presente e futuro perdono le loro coordinate temporali lasciando il posto alla visione tridimensionale e all'immersione totale in ambienti creati al computer, celebrando l’incontro tra letteratura, poesia, storia, filosofia, musica e alchimia. Un progetto inedito e allestito esclusivamente online e che trasforma la Primo Piano LivinGallery, da galleria fisica a galleria virtuale, continuando la sua mission divulgativa e in queste edizioni anche esplorativa, proponendo una visione globale dell’attività svolta dalla sua fondazione ad oggi. 

Questo secondo appuntamento con il colore omaggia il BLU, amato nelle fiabe e nell’arte: da Giotto a Orazio Gentileschi, da Vasilij Kandinskij a Marc Chagall, da Picasso a Matisse e ha ispirato artisti e studiosi di ogni generazione. Definito da Goethe nella sua Teoria dei Colori come l'armonia cromatica assoluta, per i romantici il blu, era associato alla poesia, al sogno e alla melanconia. Arthur Rimbaud, attratto dall’alchimia attribuiva al blu la lettera O, quale figura rotonda, piena e materna. Nell’arte contemporanea il colore blu viene usato per le sue qualità spaziali, per il suo essere indice di vuoto, di solitudine, di lontananza e per la sua profondità prospettica. 

Punti di contatto con l’espressionismo tedesco si ritrovano nell’opera di Kohlene Hendrickson, che rappresenta il senso del malessere tipico del nostro tempo. Tendente al surrealismo e alla deformazione prospettica sono le opere di Oronzo De Stradis, mentre un senso di metafisica lontananza che ripercorre l’opera di De Chirico, alberga nell’opera di Maya Nival Borgia

Dal paesaggio alla maniera di Gaspar D. Friedrich con l’opera fotografica di Andria Santarelli al romanticismo visionario di Hyemi Cho e Fie Tanderup, mentre l’angoscia di un mondo decadente pervade l’atmosfera dell’opera fotografica di Xavi De Juan-Creix che preannuncia che solo i forti sopravvivono. In un’epoca come quella attuale, in cui trasformazioni architettoniche ed urbanistiche si susseguono con grande rapidità le opere di Giulio De Mitri, si inseriscono in quel filone estetico e razionalista del Bauhaus che predilige superfici nude e luminose, qualificate dal nostro artista dall’uso predominante del colore blu che accentua la Mediterraneità di tutta la sua produzione. 

Al Post human e al rapporto tra identità, citazione e metamorfosi di Jeffrey Deitch, la ricerca stilistica di Massimo Festi orientato alla social identity. Questo ciclo di mostre in 3D, rappresentano per l’artista una palestra sperimentale e per il pubblico un nuovo modo di interagire con l’arte contemporanea, con un accesso 24h/24h no stop per tutta la durata di ogni singola rassegna. La mostra è accompagnata dal catalogo in pdf. Istruzioni per l’uso su http://primopianoatelier.com/?p=2198 

ARTISTI: Kohlene Hendrickson (Svizzera), Sofi Basseghi (Australia), Xavi De Juan-Creix (Spagna), Andria Santarelli (Francia), Cor Fafiani (Olanda), Gerard Frances (Francia), Isidora Ficovic (Serbia), Kadie Schmidt Hackenberg (Germania), Maya Nival Borgia (Francia), Nicole Gaulier (Francia), Fie Tanderup (Danimarca), Steve Lewis (Usa), Hyemi Cho (South Corea), Christel Sobke (Germany), Giulio De Mitri (Taranto), Andrea Mattiello (Pieve a Nievole/PT), Mirta De Simoni (Volano/TN), Maria Irene Vairo (Salerno), Massimo Festi (Ferrara), De Stradis Oronzo (Mesagne/BR). 

Primo Piano LivinGallery 
viale Marconi, 4 Lecce 
ingresso libero

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…