Passa ai contenuti principali

Art(e)nergy | Aperte le candidature per la mostra collettiva

Partecipa alla mostra collettiva dedicata all'energia! Iscrizioni entro il 25 maggio 2017
Il risalto dato al soggetto in tutte le sue possibilità è la necessità profonda del fare arte e l'energia è il propellente per la produzione fantastica.

Muovendosi nella fantasia, l'artista crea energia e sfugge alle nevrosi perché riesce ad elaborare i suoi sogni ad occhi aperti, le sue visioni della realtà, in modo che perdano ciò che è troppo personale e diventino i sogni di tutti. L'artista con la sua energia possiede il misterioso potere di plasmare il materiale della fantasia e renderlo qualcosa di esclusivo nella sua rappresentazione artistica. Se è in grado di fare tutto questo, egli dà ad altri la possibilità di ricevere conforto, sollievo, ricarica e bellezza. Segno, tratto, ma soprattutto colore per esprimere il concetto che l'energia è vita.

Questa mostra collettiva vuole essere interattiva e coinvolgere i nostri visitatori. Ospiterà, quindi, l'evento: E TU DI CHE COLORE SEI?

Chiunque, prenotandosi per tempo potrà verificare ilcolore della propria energia, ossia l' Aura, che è l'impronta energetica di ogni essere esistente sulla terra, persona, pianta, animale, ma anche sassi, rocce e conchiglie. Ognuno vibra con colori diversi a secondo del suo stato d'animo, del carattere, ed altro ancora. In pratica l'aura è come la propria impronta digitale.

Una mostra diversa e originale dove è prevista, per i più curiosi la possibilità di conoscersi, attraverso i propri colori fotografati dalla Camera Kirlian (su prenotazione).



INFO

Il concorso è aperto a tutti gli artisti contemporanei, di ogni nazionalità. Non ci sono limiti di età. Le sezioni sono:PITTURA E GRAFICA, FOTOGRAFIA, SCULTURA

Gli artisti interessati possono iscriversi entro il 25 maggio 2017, tramite mail all'indirizzo exfabbricadellebambole@exfabbricadellebambole.com

La richiesta di partecipazione è gratuita ed è prevista una selezione.

Il 24 maggio 2017 ultimo giorno per l'iscrizione alla collettiva: gli artisti selezionati verranno contattati personalmente.

Dal 6 al 30 giugno 2017 mostra.

CUBET di exfabbricadellebambole

via Plana, 26 Milano

exfabbricadellebambole@exfabbricadellebambole.com

www.exfabbricadellebambole.com

377 1902076 (Rosy Menta presidente)

320 1576084 (Alice Rabbi segreteria)



Sei appassionato/a d'arte? Pensi che l'arte renda le persone migliori?

Abbiamo una proposta da farti: vieni a fare uno stage da Exfabbricadellebambole, una associazione dedicata all'arte, agli artisti e alla professione d'artista.

L'associazione è un luogo e un ambiente dinamico e propositivo dove potere fare emergere il tuo pensiero, i tuoi studi e crescere insieme a noi.

Cerchiamo una persona adatta alle pubbliche relazioni, ai progetti di mostre , agli archivi d'artista.

Contattaci e mandaci il tuo CV alla mail exfabbricadellebambole@exfabbricadellebambole.com

o ai numeri 320 1576084 (Alice Rabbi segreteria) | 377 1902076 (Rosy Menta presidente)



Post popolari in questo blog

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …