Passa ai contenuti principali

Fotografia e archivio: incontro con Guido Guidi, William Guerrieri, Andrea Simi

Mercoledì 24 maggio, alle ore 18, la sede didattica di Fondazione Fotografia, in via Giardini 160 a Modena, ospiterà un incontro con i fotografi Guido Guidi, William Guerrieri e Andrea Simi, incentrato sulla relazione tra fotografia e archivi. L’incontro, ad ingresso libero, è organizzato a margine della mostra ‘Tina Mazzini Zuccoli. ReVisioni di un archivio‘, in corso fino al 4 giugno presso la Fondazione.

I tre autori rifletteranno sul duplice ruolo dell’archivio fotografico, inteso, da un lato, come contenitore dell’esperienza personale e, dall’altro, come ambito di una possibile ricerca artistica. Ad accompagnarli nella discussione sarà Silvia Vercelli, curatrice della mostra su Tina Zuccoli.

Nato nel 1941 a Cesena, dove vive e lavora, Guido Guidi è stato tra i primi, in Italia, a fotografare il paesaggio marginale della provincia. Le sue ricerche sull’edilizia spontanea della Romagna orientale, o sulla Strada Romea che collega Cesena a Venezia, o quelle successive sulle aree industriali di Porto Marghera e Ravenna, si concentrano su luoghi liminari, familiari al fotografo, e condividono un carattere aperto e interrogativo. Il lavoro da lui condotto negli anni è un’operazione simile a quella di uno ‘scavo stratigrafico’. Senza imporre idee preconcette, Guidi raccoglie sistematicamente i segni del passato e del presente: le sue fotografie portano alla luce le tracce accumulate dall’uomo, attivando il pensiero – proprio e altrui – nel momento in cui la fotografia si guarda, nell’incessante ricerca di risposte alla perplessità suscitata da una realtà mutevole e sempre più precaria.

Fotografo e curatore, William Guerrieri è stato ideatore insieme a Guido Guidi del progetto Linea di Confine per la Fotografia Contemporanea. Come fotografo, ha partecipato a diversi progetti pubblici d’indagine, fra i quali Venezia-Marghera, (1998) e Luoghi della cura (2004). Ha esposto alla Biennale d’Arte di Venezia (1997), alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (1997), alla Galleria degli Uffizi di Firenze (2000), al MAXXI di Roma (nel 2003 e nel 2013/14), al Fotomuseum Winterthur (2005), al Mast di Bologna (2016). Sue opere sono ospitate in collezioni private e pubbliche, fra le quali: Bibliothèque nationale de France (Parigi); CCA (Montreal); MAXXI (Roma); Osservatorio Venezia-Marghera (Venezia); Galleria Civica (Modena); Die Photographische Sammlung/SK Stiftung Kultur (Colonia), MAST, Bologna.

Andrea Simi (1973, Siena) vive e lavora a Bologna. I suoi progetti personali sono incentrati sull’indagine fotografica di ispirazione “topografica” e stile documentario. Nell’ambito di questo “genere” fotografico svolge anche attività di curatela, nel 2016 con la collettiva “Il mondo così come appare” (Guido Guidi, Vittore Fossati, Paola De Pietri, Cesare Ballardini, Marcello Galvani), nel 2017 con “Guido Guidi, Le Corbusier _ 5architetture”, entrambe presso la Galleria Unosunove Arte Contemporanea di Roma. Dal 2015 in collaborazione con Silvia Vercelli lavora a “ReVisioni”, un progetto in più capitoli sulla rilettura contemporanea degli archivi attraverso la fotografia e la pratica artistica in genere, di cui fa parte la mostra “Tina Mazzini Zuccoli. ReVisioni di un archivio fotografico” in corso a fondazione Fotografia.



Foto: Guido Guidi, Ravenna, 1972. Courtesy dell’artista.


Fondazione Fotografia Modena
via Giardini 160, Modena
t. +39 059 224418

Post popolari in questo blog

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …

Cancelli d’ombra alla Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia

La Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia (Corso Garibaldi, 4) presenta, dal 15 dicembre 2018 al 16 gennaio 2019, la consueta collettiva di Natale con opere pittoriche, scultoree e fotografiche di una trentina di autori contemporanei, da Julia Bornefeld e Sandra Brandeis Crawford a Luca Caccioni, Claudio Costa e Graziano Pompili.
La mostra trae il titolo – “Cancelli d’ombra” – da una poesia di Andrea Basiricò che recita: «… E i cancelli d’ombra / della sera ricamano / i giardini / dove occhi di silenzio / si spengono / sull’orlo dell’asfalto…».
In esposizione, opere di Andrea Basiricò, Julia Bornefeld, Mirko Baricchi, Anna Bennicelli, Alketa Bercaj Delishaj, Elisa Bertaglia, Sandra Brandeis Crawford, Luca Caccioni, Corrado Campisi, Claudio Costa, Giovanni Cossu, Omar Galliani, Federica Giulianini, Ludmila Kazinkina, Nicoletta Moncalieri, Maria Morelli, Silvia Pavarini, Simone Pellegrini, Graziano Pompili, Turi Rapisarda, Enzo Silvi, Sebastiano Simonini, Orfeo Tamburi, Giuseppe…