Passa ai contenuti principali

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Arte Moderna e Contemporanea

Riflettori puntati nell'asta di Arte Moderna e Contemporanea del 13 giugno a Il Ponte Casa d'Aste di Milano sul nucleo dedicato all'Informale del secondo dopoguerra: sono presenti in mostra opere di Tancredi, Turcato, Perilli, Imai, Hartung, Dubuffet, Tàpies, Corneille, Hsiao Chin, Poliakoff e Santomaso, con la grande tela "A cielo aperto", esposta a Palazzo Reale nel 1986. 

Ancora, "Winter Morning" di William Congdon, un'opera del 1950 già esposta al Moma di New York e un olio museale di Emilio Scanavino del 1966, di straordinaria qualità. 

Capolavoro dell'arte informale è inoltre il dipinto di Jean-Paul Riopelle del 1954, proveniente da un'importante collezione londinese e che vanta come precedente proprietà la prestigiosa collezione di Riccardo e Magda Jucker. 

In catalogo compare infine "Musus", un notevole olio su tela del 1964 di Emil Schumacher .

In primo piano non manca la raccolta dedicata alla Pop Art italiana, con un rilevante gruppo di lavori di Adami, Angeli, Baj, Festa, Mambor, Maselli, Pasotti, Sarri, Schifano, Spadari.

Da tenere sott'occhio la raccolta di Latin American Art con diverse opere di Matta, Lam, Botero .

Tra i maestri dell'Avanguardia italiana del Secondo Dopoguerra compaiono Isgrò, Mauri, Baruchello, Agnetti, Parmiggiani e Boetti, presente con tre importanti lavori: "Segno Disegno", grande dittico del 1983, l'arazzo "Cinque x cinque venticinque" e "Tutto - I Vedenti ".

E ancora, un'imponente opera di Irma Blank del 1995, eccezionale per qualità e dimensioni.

Notevole è anche la grande tela del 1967 del giapponese Shusaku Arakawa. Per la Body Art citiamo due fotografie dell'austriaco Arnulf Rainer.

Nella sezione dedicata al Nouveau Realisme spiccano Christo, con uno storico "Store Front Project" del 1962, un décollage di Jacques Villeglé, un Mimmo Rotella del 1960 e un'ccumulazione di Arman di dimensioni museali.

Pittura Analitica, Gruppo Enne, Cinetismo, Optical Art e artisti che hanno incentrato le proprie ricerche sul rapporto luce-superficie-forma-colore-spazio-volume sono presenti in catalogo con opere pregevoli e significative.

Contatti :
Ludovica Celsi - ludovica.celsi@ponteonline.com - +39028631422
Camilla Aghilar - camilla.aghilar@ponteonline.com +39028631410
Anna Barzanti - anna.barzanti@ponteonline.com +39028631411

Post popolari in questo blog

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …

Cancelli d’ombra alla Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia

La Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia (Corso Garibaldi, 4) presenta, dal 15 dicembre 2018 al 16 gennaio 2019, la consueta collettiva di Natale con opere pittoriche, scultoree e fotografiche di una trentina di autori contemporanei, da Julia Bornefeld e Sandra Brandeis Crawford a Luca Caccioni, Claudio Costa e Graziano Pompili.
La mostra trae il titolo – “Cancelli d’ombra” – da una poesia di Andrea Basiricò che recita: «… E i cancelli d’ombra / della sera ricamano / i giardini / dove occhi di silenzio / si spengono / sull’orlo dell’asfalto…».
In esposizione, opere di Andrea Basiricò, Julia Bornefeld, Mirko Baricchi, Anna Bennicelli, Alketa Bercaj Delishaj, Elisa Bertaglia, Sandra Brandeis Crawford, Luca Caccioni, Corrado Campisi, Claudio Costa, Giovanni Cossu, Omar Galliani, Federica Giulianini, Ludmila Kazinkina, Nicoletta Moncalieri, Maria Morelli, Silvia Pavarini, Simone Pellegrini, Graziano Pompili, Turi Rapisarda, Enzo Silvi, Sebastiano Simonini, Orfeo Tamburi, Giuseppe…